Eventi

Incontro con il Console di Basilea Michele Camerota

Il 14 novembre 2016, una delegazione della SAIG è stata ricevuta dal Console di Basilea, il quale ha risposto ad alcune domande.

La prima riguardava la possibilità che il Consolato di Basilea potesse interfacciarsi e collaborare con la SAIG con lo scopo di collocare dei monumenti, anche nella sua circoscrizione consolare, in riconoscenza alle emigrazioni degli italiani in Svizzera.

Nel Cantone di Ginevra, difatti, da alcuni anni sono stati apposti, su iniziativa della SAIG e su specifica autorizzazione delle istituzioni locali, alcuni monumenti in ricordo dei sacrifici degli italiani in Svizzera.

Il Console Camerota, dopo aver dato il benvenuto e ringraziato la SAIG per l’iniziativa, si è detto lieto di incontrare persone che si spostano dai loro recinti per andare a trovare situazioni e realtà diverse, soprattutto in un paese come la Svizzera dove la dimensione cantonale e linguistica hanno una rilevanza e queste, dunque, sono buone occasioni di contaminazione e di confronto reciproco.

Per quanto riguarda la proposta per i monumenti, il Console Camerota, ha risposto sul punto dicendosi assolutamente d’accordo con l’iniziativa proposta, avendo già avuto occasione di confermare il suo apprezzamento per via informali, in quanto tutto ciò che va nel senso di conservazione della memoria è positivo, soprattutto in un paese come la Svizzera dove grande è la presenza di connazionali. “Questo è appunto”, – ha dichiarato Camerota –  un paese dove il lavoro ed il sacrificio degli italiani è stato fondamentale per costruire quella che oggi è risaputa essere l’efficienza svizzera. Questa potrebbe, quindi, essere una collaborazione fruttuosa da presentare alle autorità locali, coinvolgendo certamente anche le realtà elettive territoriali, come i COMITES ed eventualmente il CGIE in una road map da stabilire”.

Successivamente è stato chiesto al Console, che ricordiamo, è il più giovane dei consoli in Svizzera e persona dotata di entusiasmo e spirito di iniziativa, come intende rendere un servizio reale e concreto ai concittadini, attuando quello che egli stesso ha definito “sportello amico”, migliorando i servizi consolari e la comunicazione con l’utenza. Dopo aver premesso che il fattore “giovane età” in effetti suscita ancora una certa sorpresa in ambienti in cui i cittadini sono abituati da sempre ad avere a che fare con persone ben più “adulte”, sottolinea come proprio l’entusiasmo e la voglia di fare sopperiscono mancanza di esperienza. Ha colto l’occasione, a quel punto, di esprimere due ringraziamenti: uno alla Farnesina per avergli dato questa opportunità, per aver creduto nella sua persona assegnandogli un compito non facile e poi all’Ambasciatore Del Panta e a tutti gli altri colleghi, Consoli Generali in Svizzera che sono per lui il primo “sportello amico” in quanto può relazionarsi molto confidenzialmente con loro per avere consigli in caso di necessità.

Per quanto riguarda, invece, il rapporto Consolato, cittadini, “sportello amico”, etc, ci ha riferito essere proprio questo il settore su cui si stanno impegnando molto perché in Italia, in particolare, c’è un’assoluta necessità di lavorare sulla costruzione di un rapporto virtuso tra istituzioni e cittadini. Le Istituzioni esistono per aiutare i cittadini non per creare problemi o ostacoli e si tratta di una rapporto di diritti e doveri reciproci. Molti risultati si stanno ottenendo, soprattutto grazie alla comunicazione, ad esempio grazie alla nuova pagina Facebook per informare. Il sito Internet è stato rifatto e lui stesso si reca direttamente presso le diverse comunità, assieme alla presidente del COMITES, perché ogni momento di incontro è anche un’opportunità di comunicare e la comunicazione è il primo passo per costruire quel rapporto virtuoso di cui ci ha parlato.

Al Console è stato poi chiesto come il “suo” consolato può aiutare concretamente quanti si trasferiscono oggi per semplificare le operazioni di adattamento, data la differenza di esigenze tra la emigrazione tradizionale e quella di nuova generazione, formata da professionisti che portano all’estero quanto di meglio l’Italia possa offrire in termini di cultura, professionalità e preparazione. Il Console si è detto compiaciuto del fatto che si trasferiscono personalità di alto profilo all’estero, che portanto prestigio al nostro Paese. Come il Consolato puo aiutare concretamente? Di fatto prova già a farlo. Intanto sta creando un network di social, ad esempio per i ricercatori, dell’Università di Basilea, che è la prima università della Svizzera, per raggiungere il maggior numero di persone attraverso gli strumenti informatici che permettono, in fondo, una nuova forma di associazionismo contemporaneo, senza statuti ma come associazioni di fatto. Non da ultimo va detto che il COMITES di Basilea ha presentato un progetto al Ministero degli Esteri che nelle prossime settimane sarà declinato in concreto con il sostegno del suo Consolato nel cercare di offrire dei punti di riferimento per i connazionali di nuova emigrazione qualunque tipo di lavoro vengano a svolgere. Insomma si pensa alla creazione di sportelli dedicati sulla falsa riga di quello che si fa in altri paese, tipo “Primo approdo” che esiste a Londra.

Passando poi a parlare proprio dell’emigrazione tradizionale, per la quale il Console Camerota ha sempre espresso molto rispetto, si è chiesto come pensa di poter riconoscere i tanti sacrifici e le difficoltà di coloro che hanno poi, di fatto, reso la strada più facile agli emigrati dei nostri giorni, in modo da non essere dimenticati. Camerota ha espresso il suo grande amore ed interesse in qualità di diplomatico, per la storia ed il passato. Il Console fa notare che l’Italia ha sempre avuto un grande rispetto per chi è andato a lavorare all’estero. L’italiano medio è ben consapevole del sacrificio che hanno fatto le persone che si sono recate a lavorare all’estero, creando di fatto anche delle opportunità economiche per l’Italia stessa.

Come ultima domanda è stata posta la questione relativa alla possibile futura apertura di un tavolo di discussione tesa al miglioramento dell’attuale normativa sulle rappresentanze elette all’estero (COMITES e CGIE) per meglio adattarla alle moderne esigenze degli italiani residenti all’estero e per fare in modo che tale rappresentanza sia presente in maniera più uniforme e meglio distribuita. La problematica sarebbe capire se le rappresentanze in Svizzera potrebbero, secondo il suo parere, collaborare ad una tale riforma dando l’impulso affinché le parti interessate e competenti possano arrivare una normativa più adeguata.

Il Console Camerota, ci ha risposto sul punto, dicendo che non si dovrebbe utilizzare il condizionale. Le rappresentanze elette e consolari possono e devono collaborare per questo. Il dibattito è attuale e molto ampio a livello parlamentare e siamo in una fase in cui si raccolgono tutti i contributi a cominciare proprio dai COMITES e del CGIE fino alla rappresentanza consolare ed ai parlamentari eletti all’estero. Tutti sono legittimati ad offrire il loro contributo ed il proprio punto di vista su un argomento che senza dubbio sta a cuore a tutti perché ci si rende conto che è necessario pensare a delle rinnovate forme di rappresentanza. La SAIG, secondo lui può offrire uno spunto interessante ed anche un modello da seguire: il creare delle federazioni secondo il principio “dell’unione fa la forza” può essere una delle risposte.

Carmelo Vaccaro

Rispondi