FFS: un anno all’insegna della puntualità dei treni

La pandemia ha influito positivamente sulla puntualità delle FFS: l’anno scorso, infatti, circa il 92% dei treni passeggeri è arrivato alla stazione con uno scarto di tre minuti sull’orario. L’azienda ha annunciato oggi in un comunicato stampa che si tratta del secondo miglior risultato di sempre, anche grazie al calo dei piloti.

In termini di coincidenze, il 98,9% dei passeggeri è riuscito ad effettuare il camio di convoglio. Ottimi risultati si sono raggiunti grazie ad una migliore pianificazione dei cantieri e a una distribuzione più omogenea dei lavori nell’arco dell’anno. Inoltre, si sono avuti meno malfunzionamenti degli impianti e del materiale rotabile. Il ridotto numero di passeggeri, dovuto all’emergenza sanitaria, ha ridotto il carico sul sistema ferroviario e ha permesso di raggiungere risultati quasi da record. In effetti, il tasso di puntualità è stato migliore solo nel 2020, quando hanno viaggiato pochissime persone.

Nonostante il quadro sia complessivamente positivo, vi sono state alcune differenze, per quanto riguarda la puntualità, a seconda delle stagioni e delle regioni. aggiungono le FFS. In novembre la puntualità è stata al di sotto della media, come nella maggior parte degli anni precedenti, a causa delle condizioni climatiche. Inoltre si sono registrate criticità nella Svizzera romanda. Anche per quanto riguarda il traffico merci la puntualità è stata insoddisfacente: nel 2021 FFS Cargo Svizzera ha raggiunto il 91% di convogli in orario, due punti al di sotto del valore target.

Una concomitanza di cause hanno provocato i ritardi dello scorso anno e, più nello specifico, si tratta di grandi lavori di costruzione e manutenzione, rallentamenti nella liberazione delle tratte, carenza di macchinisti e malfunzionamenti del materiale rotabile. Le FFS ribadiscono che la loro sfida principale resta l’orario, non più adatto alle circostanze attuali. Negli ultimi anni Il numero di viaggiatori è aumentato ed è quindi necessario prevedere più tempo per salire, scendere e cambiare mezzo. L’azienda sta quindi lavorando a “una pianificazione dell’orario migliore e più attendibile” per garantire alla clientela “una ferrovia affidabile e solida”, conclude il comunicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: