Italiani nel mondo

Intervista al Console Generale di Lugano, Min. Plen. Marcello Fondi

Il 14 novembre 2016, una delegazione della SAIG ha iniziato un viaggio in Svizzera per incontrare la rappresentanza diplomatica italiana in Svizzera partendo da Lugano, in Ticino, per proseguire poi per Basilea, Zurigo, Berna ed infine Ginevra. Le interviste sono state realizzate per “La Notizia di Ginevra e i video per ciaoitalia.tv.

Nei prossimi mesi, la SAIG proporrà tutte le interviste dei nostri rappresentanti istituzionali, allo scopo di conoscerli e capire meglio gli obiettivi che intenderanno raggiungere.

Come prima tappa, a Lugano, la SAIG è stata ricevuta dal Console Generale d’Italia a Lugano, Min. Plen. Marcello Fondi, il quale ha iniziato la serie delle interviste programmate.

La prima riguardava la possibilità che il Consolato di Lugano potesse interfacciarsi e collaborare con la SAIG con lo scopo di collocare dei monumenti, anche in Canton Ticino, in riconoscenza alle emigrazioni degli italiani in Svizzera.

Nel Cantone di Ginevra, difatti, da alcuni anni sono stati apposti, su iniziativa della SAIG e su specifica autorizzazione delle istituzioni locali, alcuni monumenti in ricordo dei sacrifici degli italiani in Svizzera.

Il Console Fondi, dopo aver ringraziato la SAIG per l’iniziativa, ha risposto sul punto dicendosi assolutamente d’accordo con l’iniziativa proposta, e che il Consolato di Lugano si farà parte attiva con le istituzioni locali affinché queste ultime concordino a mettere a disposizione uno spazio adeguato in città. A Lugano od anche a Bellinzona o a Locarno si potrebbero in effetti, secondo lui, collocare dei simboli che riordino a tutti l’epopea italiana in Svizzera. Tanto più, ha sottolineato il Console, che nella realtà a Lugano non esiste qualcosa di simile da poter utilizzare anche durante le cerimonie commemorative (come, ad esempio, il 4 novembre) e ove deporre una corona nelle occasioni ufficiali. Attualmente si utilizza l’ospedale italiano per questo tipo di iniziative e, dunque, che ben venga l’apposizione di un simbolo di tale genere.

Successivamente al Console è stato chiesto quali differenze rileva tra le esigenze dei connazionali residenti in Eritrea, ove il Ministro è stato Console in precedenza, e quelle dei residenti in Svizzera, data l’enorme diversità ambientale. In Eritrea il Console Fondi ha conosciuto una collettività italiana davvero molto specifica e peculiare rispetto alle comunità italiane esistenti nel resto del mondo. In Eritrea, infatti, risiede ancora un migliaio di connazionali molto coraggiosi ancorati a dei valori ancora molto importanti e che rimangono in eritrea perché lì hanno investito tutto il loro progetto di vita. Sono coloro i quali attraverso la storia tra l’Italia e l’Eritrea, ma anche attraverso le dinamiche della storia africana, hanno deciso comunque di rimanere ad Asmara a testimoniare un’emigrazione che ormai data 1878. Una comunità molto solida che vive in difficoltà crescenti data la crisi che attraversa da tempo il continente africano. Ci ha riferito di aver ritrovato famiglie eritree che vivono in Svizzera o che vi transitano per raggiungere altri paesi europei, trovando tutto questo molto significativo.

Al Console Generale è stato poi chiesto se, data la prossimità di cultura e l’identità di linguaggio in Canton Ticino, gli italiani che risiedono in questo Cantone si trovano ad affrontare meno difficoltà di inserimento sociale e nel mondo del lavoro rispetto ad altri Cantoni. Secondo il Console certamente la lingua italiana come fattore comune agevola tutti i processi di inserimento e di integrazione dei connazionali che continuano ad emigrare in Svizzera ed in particolare in Canton Ticino e, quindi, dal punto di vista dell’integrazione esistono minori difficoltà. Tuttavia, per paradosso, poiché il Ticino è una terra di frontiera con l’Italia, questo comporta una serie di problematiche che richiedono delle soluzioni ed una costante azione di mediazione tra la comunità italiana e quella svizzera. Inoltre il Canton Ticino deve tutelare il suo mercato del lavoro, il welfare e in questo senso ci sono delle difficoltà di inserimento dei lavoratori italiani perché se questo afflusso di lavoratoti provenienti dall’Italia fosse indiscriminato, il sistema del welfare cantonale, ma anche l’andamento del mercato del lavoro ne soffrirebbero creando problemi sia per i ticinesi che per gli italiani, quindi, da una parte abbiamo una maggiore facilità di integrazione dal punto di vista culturale e linguistico ma sul piano dei rapporti di lavoro, forse in Ticino la situazione è, al contrario più complessa che in altri cantoni della Svizzera.

Passando a parlare della sua formazione professionale, gli è stato chiesto se il fatto di essersi laureato alla LUISS Guido Carli di Roma abbia positivamente o meno influito sulla sua successiva brillante carriera. Il Console ci ha riferito che essendosi laureato in questa Università all’inizio degli anni 80, ha avuto l’opportunità di usufruire dei programmi messi a disposizione in termine di approfondimento degli studi, ma anche di agevolazione dei processi di apprendimento. Essendo un piccola università c’erano ottimi rapporti fra studenti e corpo docenti e un’importante vita sociale dentro l’ateneo che aiutava. Quindi in effetti, il Console ci ha confermato di essere convinto di dovere molto agli studi compiuti presso la Guido Carli di Roma anche se questo non significa che in Italia non esistano altri centri universitari di eccellenza nei quali si può studiare con attimo profitto.

Come ultima domanda è stata posta la questione relativa alla possibile futura apertura di un tavolo di discussione tesa al miglioramento dell’attuale normativa sulle rappresentanze elette all’estero (CO.MI.TES e CGIE) per meglio adattarla alle moderne esigenze degli italiani residenti all’estero e per fare in modo che tale rappresentanza sia presente in maniera più uniforme e meglio distribuita. La problematica sarebbe capire se le rappresentanze in Svizzera potrebbero, secondo il suo parere, collaborare ad una tale riforma dando l’impulso affinché le parti interessate e competenti possano arrivare una normativa più adeguata.

Il Min. Plen. Fondi, dopo aver premesso che anche recentemente vi sono state alcune riforme in questo campo e che spetta al Parlamento italiano provvedere a questo con il contributo dei parlamentari eletti all’estero, crede che sia dovere degli uffici consolari illustrare alla classe politica italiana se determinati meccanismi normativi e regolamentari hanno prodotto gli aspetti sperati. La collaborazione in questo senso è fondamentale tenendo anche presente che in Svizzera la rete consolare è diffusa e importante che raccoglie informazioni che provengono da una collettività che ormai spera il mezzo milione di connazionali, e, quindi può fare molto da questo punto di vista. Tutto è perfettibile ed anzi dovremmo fare una riflessione su questa istanza in modo che gli uffici consolari, sotto il coordinamento dell’Ambasciata d’Italia a Berna, si facciano promotori, perché no, di questa riflessione assieme agli altri operatori degli attuali organismi rappresentativi della collettività.

La delegazione SAIG si è congedata dal Console Generale d’Italia a Lugano, Min. Plen. Marcello Fondi, ringraziandolo fervidamente per l’ospitalità.

Rispondi