Archivio

Organizzazione Sardi nel Mondo: contributi di premialità

Il Servizio Coesione Sociale della Regione Sardegna ha messo in pagamento i saldi e le premialità 2015 in favore delle Organizzazioni dei sardi nel mondo che, come previsto dalla Legge regionale 7/91, hanno provveduto ad inviare la documentazione richiesta per la giustificazione delle spese sostenute con il contributo loro assegnato nell’annualità di riferimento. I dati sono pubblicati qui.

Il Programma annuale 2015 – ricorda la Regione – ha previsto, per l’annualità 2016, un contributo di premialità da assegnare ai circoli, secondo specifici criteri riferiti allo standard organizzativo e qualitativo del proprio funzionamento. Per l’anno in corso, sono stati valutati gli adempimenti amministrativo-contabili e, in particolare, il possesso e utilizzo della e-mail e della Posta Certificata; l’utilizzo delle attrezzature informatiche in dotazione ai circoli per invio dei documenti in formato digitale; l’utilizzo della apposita modulistica disposta dal Servizio. Nello specifico, il foglio elettronico del rendiconto e tutti gli allegati previsti, incluso l’elenco soci, compilato in tutte le sue parti e contenente le firme dei tesserati.

È stato valutato, inoltre, il costante flusso di contatti e informazioni tra i circoli e l’amministrazione, in riferimento alla organizzazione e realizzazione di eventi, manifestazioni e attività culturali e di promozione della Sardegna. Il contributo riferito alla premialità deve comunque rispettare le disposizioni di legge che prevedono, per i finanziamenti pubblici, l’obbligatorietà della giustificazione della spesa che, nello specifico avverrà con relazione sottoscritta dal Presidente del circolo, corredata da una autocertificazione attestante la veridicità di quanto dichiarato.

L’importo al lato della rendicontazione sarà riconosciuto al 100% sino al raggiungimento della quota assegnata e potrà essere utilizzato per l’acquisto di tecnologie informatiche che consentano una migliore comunicazione tra le Organizzazioni beneficiarie del contributo e l’Amministrazione regionale.

(aise) 

Categorie:Archivio

Rispondi