Regali di Natale indesiderati? Niente paura, c’è il mercato dell’usato

Avete ricevuto regali di Natale che non vi piacciono particolarmente? Niente paura, il mercato degli articoli di occasione rappresenta una possibilità per sbarazzarvene.  Stando alle informazioni raccolte dall’agenzia AWP presso piattaforme online e negozi di usato, il periodo post-natalizio è particolarmente fruttuoso per chi opera in questo settore.

Ogni anno assistiamo a un forte aumento dei prodotti messi in vendita dopo Natale, dell’ordine del 30%, Secondo Babak Daghigh, cofondatore di Myprivatedressing, specializzato nella moda di seconda mano, ogni anno vi è un forte aumento dei prodotti messi in vendita dopo Natale, dell’ordine del 30%, La piattaforma conta 500’000 membri e propone un catalogo di 25’000 articoli, che vanno dai vestiti agli orologi, dalle scarpe agli accessori. Il mercato dell’usato è quello che registra la maggiore crescita nel nostro settore, aggiunge Daghigh.

Anche nei negozi fisici che operano in questo ambito, quello post natalizio è un buon periodo. David Piguet, gerente del negozio Cash Converters di Rue Voltaire a Ginevra fa rilevare che i regali di Natale che non hanno avuto successo arrivano nel negozio verso la terza settimana di gennaio.

Il business dell’usato è al primo posto e va dall’elettronica ai videogiochi, prosegue Piguet. Le vendite di telefoni cellulari sono aumentate bruscamente a tre o quattro apparecchi al giorno, da uno o due ogni tre-quattro giorni solo un anno fa. Da un lato, i prezzi dei nuovi smartphone sono cresciuti, e dall’altro alcuni modelli non sono immediatamente disponibili a causa di problemi nella catena di approvvigionamento. Il prezzo medio di un telefono di seconda mano è di circa 200 franchi.

Un notevole aumento delle inserzioni è indicato anche dallo specialista online Ricardo in particolare per strumenti musicali, monete rare e francobolli da collezione.

Messi in vendita sono anche i regali classini,  come borsette e accessori, di marche di lusso come Chanel, Dior o Hermès, rileva Feith, il quale aggiunge che la tendenza di rivendere i regali di Natale sta guadagnando terreno di anno in anno.

%d