Data odierna 21-10-2017

Una App per smartphone, un unico sistema di accesso e la possibilità di connettersi alla rete wi-fi gratuitamente usufruendo dei servizi che le realtà territoriali offrono. Decolla così il progetto WIFi°Italia°it,...

Progetto WIFi°Italia°it: arriva l’app che permette di restare sempre connessi

Una App per smartphone, un unico sistema di accesso e la possibilità di connettersi alla rete wi-fi gratuitamente usufruendo dei servizi che le realtà territoriali offrono. Decolla così il progetto WIFi°Italia°it, che consentirà già da questa estate a cittadini e turisti di connettersi e navigare in rete in modo semplice.
A distanza di un anno dal protocollo firmato dal Mise insieme a Mibact Agid, si sta intensificando il processo che consente di federare le reti pubbliche e private per avere un unico e semplice sistema di accesso alla rete wifi; far crescere la rete nei luoghi del turismo e della cultura; sfruttare le reti esistenti per arricchire di dati l’ecosistema del turismo. Il progetto è aperto a soggetti privati e enti pubblici dotati di una propria rete.
Al momento sono stati sottoscritti protocolli d’intesa tra Mise e le Regioni Emilia Romagna, Toscana e la provincia di Trento, mentre nelle scorse settimane sono partiti progetti pilota a Roma, Milano, Firenze, Prato e Bari.
Sarà sufficiente, a partire da oggi, scaricare la APP, registrarsi, navigare automaticamente nei punti di accesso alla federazione di reti WiFi°Italia°it ed usufruire di contenuti e servizi dell’ecosistema Turismo che via via saranno messi a disposizione.
Il convegno “WiFi°Italia°it una rete per fare rete”, organizzato oggi a Roma presso lo Spazio Europa della Commissione Europea, è stato anche l’occasione per avviare una collaborazione tra l’Italia e la Commissione europea che nelle prossime settimane dovrebbe portare alla firma di un protocollo d’intesa.
WiFI°Italia°it rientra infatti nel progetto comunitario WiFi4EU volto a creare un mercato unico digitale offrendo wi-fi gratuito per gli europei. Obiettivo di WiFi4EU è quello di offrire accesso a Internet di alta qualità a residenti e visitatori in tutta l’Europa nei principali centri della vita comunitaria.
“Ancora una volta, così come con il 5G, l’Italia fa da apripista in Europa – ha dichiarato il sottosegretario allo Sviluppo Economico Antonello Giacomelli – e avvia la costruzione di una rete federata nazionale che potrà essere il primo tassello del mosaico per l’individuazione di una rete federata europea in grado di abbattere gli ostacoli digitali tra i cittadini comunitari e accelerare l’utilizzo della rete e dei servizi digitali”.
Roberto Viola, direttore della DG Connect della Commissione europea, si è detto lieto “di annunciare oggi l’inizio della collaborazione tra l’Italia e la Commissione europea per creare sinergie tra l’iniziativa Wi-Fi-Italia e quella di WiFi4EU dell’Unione europea, una collaborazione pragmatica che renderà i due progetti più efficaci. Perché condividiamo lo stesso obiettivo di mettere a disposizione del pubblico punti gratuiti di connettività Wi-Fi di alta qualità”.
“La nuova app Wifi°Italia°It è uno strumento indispensabile per il turismo, settore in crescita esponenziale che può e deve essere governato tramite il digitale”, ha sostenuto il ministro dei Beni e Attività Culturali e Turismo, Dario Franceschini. “Il Wifi può essere uno straordinario strumento per aiutare a promuovere un turismo diffuso, segnalando i siti sovraffollati e suggerendone altri in prossimità, e per fare sempre più dell’Italia una meta di un turismo colto, sostenibile e intelligente”.
Nel suo intervento il direttore generale di AgID, Antonio Samaritani, ha dichiarato che “con WiFi°Italia°it nasce un’importante infrastruttura abilitante per lo sviluppo di nuovi servizi digitali. Un risultato concreto e una spinta all’attuazione della nuova strategia Ict di paese. Abbiamo posto le basi, ora continueremo il percorso di accompagnamento e supporto dei territori per la creazione di nuovi servizi per cittadini, imprese e turisti”.

(aise) 

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento