Data odierna 25-09-2017

Pesca di dati privati a strascico? Quanto involontaria? Ad ogni modo, ci sono nuove grane per Google in Germania: il gigante di Mountain View è stato condannato a pagare una multa di 145 mila euro per...

Multa per Google: ha spiato troppo

Pesca di dati privati a strascico? Quanto involontaria? Ad ogni modo, ci sono nuove grane per Google in Germania: il gigante di Mountain View è stato condannato a pagare una multa di 145 mila euro per aver registrato, illegalmente, dati privati scaricati da reti wireless non protette da password. Lo ha reso noto martedì Johannes Caspar, incaricato governativo per la protezione dei dati della città-stato di Amburgo.

Secondo quanto reso noto la multinazionale californiana avrebbe registrato indebitamente e-mail, password, foto e protocolli di chat di alcuni ignari utenti tra il 2010 e il 2012. I dati sono stati salvati durante le escursioni fotografiche per la realizzazione di Street View, un servizio che permette di vedere immagini delle strade di tutto il mondo. Durante la registrazione degli scatti, ripresi da videocamere montate su auto, sono stati scaricati illegalmente anche dati di alcune reti wireless non protette.

“Per quanto ne sappia io si tratta, in questo caso, di una delle più grandi infrazioni note alla protezione dei dati personali” ha commentato Caspar. Google ha ammesso subito il comportamento improprio, mostrandosi collaborativa nella risoluzione del caso. Stando a un portavoce dell’autorità di Amburgo, Google ha già pagato la multa. Secondo Caspar le sanzioni contro le multinazionali del settore dovrebbero però essere molto più aspre: “Finchè le infrazioni nel mondo digitale verranno punite con multe da discount, la tutela legale dei dati personali in rete è quasi impossibile”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento