Data odierna 24-10-2017

Il Partito Democratico in Olanda è “contrario alla chiusura di 14 Consolati italiani tra cui quello di Amsterdam previsto il 30 giugno 2014″. Lo ribadisce a nome del partito il coordinatore...

Vergna sulla chiusura dei consolato, tagliare i servizi alla comunità non porta risparmio

Il Partito Democratico in Olanda è “contrario alla chiusura di 14 Consolati italiani tra cui quello di Amsterdam previsto il 30 giugno 2014″.

Lo ribadisce a nome del partito il coordinatore Elio Vergna, il quale ricorda che “in Olanda la chiusura del Consolato Generale d’Italia in Amsterdam colpirà duramente la nuova e vecchia emigrazione nella nostra comunità residente e il turismo italiano in questo Paese, nonché chi in Italia si vuole recare per turismo”.

Per Vergna “mantenere una presenza consolare nella città di Amsterdam con uno sportello consolare sarebbe più che opportuno”, anche perché “le presenze di turisti italiani in visita in Olanda sono stimate in più di 450.000 persone all’anno, la maggioranza delle quali nella città di Amsterdam” e “molte sono le diverse e svariate richieste d’aiuto che giungono al Consolato di Amsterdam ogni giorno, non solo da cittadini italiani in vacanza e dalle loro famiglie in Italia”.

“In pratica per la grande utenza obbligata a recarsi personalmente nei Consolati, con le chiusure previste sarà molto difficile raggiungere e ottenere un qualunque servizio fornito dall’Ufficio Consolare”, denuncia il coordinatore del PD in Olanda. “I servizi consolari”, ricorda, “sono servizi pubblici necessari, essenziali per il cittadino all’estero, che ha pienamente diritto di ricevere senza esser costretto ad un vero costoso calvario o peggio alla rinuncia”.

“Il Partito Democratico in Olanda non è contro il risparmio di risorse economiche”, precisa Vergna, “ma chiede che non si risparmi togliendo servizi pubblici alla collettività residente”. Piuttosto, spiega, “vorremmo sia fatto un uso razionale e coerente del bene comune che lo Stato italiano possiede nel mondo”. Perquesto il PD olandese si schiera anche “contro lo spreco delle risorse finanziarie e l’incomprensibile svendita per far cassa del patrimonio immobiliare anche di pregio sia in Olanda che in altri Paesi”.

“Chiediamoci a chi e a cosa serve veramente la chiusura di 14 Consolati che servono più di 200.000 persone e quali saranno le conseguenze per l’utenza e per chi nel Consolato lavora”, è l’invito di Elio Vergna, annunciando: “degli sprechi di denaro pubblico chiederemo una spiegazione esauriente”.

“Tagliare i servizi non porta risparmio! Mentre eliminare gli sprechi è doveroso”, aggiunge il coordinatore del PD. “I servizi per il cittadino non sono uno cattivo uso di risorse, sono un diritto!”, afferma Vergna, che poi conclude con un appello: “Unitariamente mobilitiamoci per protestare!”. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento