Data odierna 27-07-2017

L’On. Alessio Tacconi (PD) eletto all’estero nella ripartizione Europa, ospite del Comites Irlanda, lo scorso fine settimana ha visitato la Comunità di Dublino. “Oltre che per incontrare il locale...

Tacconi (PD): Italiani in Irlanda, una storia di integrazione

L’On. Alessio Tacconi (PD) eletto all’estero nella ripartizione Europa, ospite del Comites Irlanda, lo scorso fine settimana ha visitato la Comunità di Dublino.

“Oltre che per incontrare il locale Comites su gentile invito del Presidente Architetto Raffaele Cavallo – ci dice Tacconi – ho voluto visitare una mostra fotografica sull’emigrazione italiana in Irlanda allestita dallo stesso Comites che, attraverso scatti presi in prestito da  una collezione privata del Cavaliere Barbato Borza, ripercorre la storia degli Italiani in Irlanda. Sono immagini che fissano  nel tempo tante storie di successo in ogni campo economico, sociale e politico. Oggi gli Italiani in Irlanda non sono più le “fish and chips families” ma cittadini perfettamente integrati nel tessuto della società d’accoglienza, risultato meritato del loro spirito di sacrificio, del loro coraggio  e della loro dedizione. Molto spesso quelle che erano iniziate come piccole attività per sbarcare il lunario sono diventate importanti realtà imprenditoriali. Esempi non ne mancano. Lo stesso Barbato Forza, dalla cui collezione privata è stato scelto il materiale della mostra, da piccolo commerciante di foto d’epoca diventò un formidabile organizzatore di eventi. Successi in ogni campo imprenditoriale, dall’industria della ristorazione  al tessile e al design sono lì a testimoniare la genialità dei nostri connazionali oltre confine che hanno saputo cogliere al volo le opportunità che offrivano loro i paesi di accoglienza”.

“La visita in Irlanda -  continua il Deputato –  mi ha offerto, naturalmente, l’occasione di incontrare i membri del Comites ed intrattenermi con loro discutendo di alcuni temi che stanno maggiormente a cuore alle nostre comunità all’estero, fra cui le iniziative delle nostre Istituzioni per la promozione della lingua e della cultura italiana; il sostegno ai corsi di lingua e cultura per i figli degli Italiani; l’introduzione dell’insegnamento dell’italiano nelle scuole irlandesi e l’istituzione di lettorati nelle università locali; la necessità di rafforzare l’operatività della nostra rete diplomatico-consolare  e metterla in grado di offrire servizi quanto più possibile vicini al cittadino, anche in considerazione dell’impennata delle nuove migrazioni dall’Italia a cui assistiamo da alcuni anni  a questa parte; informazioni sulle procedure di iscrizione all’A.I.R.E., sugli obblighi di legge, sui vantaggi che ne derivano allorché si richiedono servizi al cittadino”.

“Sono particolarmente lieto dell’opportunità offertami dal Comites Irlanda- che voglio qui ringraziare – di stabilire un proficuo contato con quella realtà: ho trovato una comunità vivace, ricca di iniziative, conscia delle proprie potenzialità, interessata a crescere nella società di accoglienza e nello stesso tempo a conservare forte il legame con l’Italia: per questo chiede l’impegno delle nostre istituzioni affinché possano continuare a sentirsi parte integrante della comunità nazionale” .

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento