Data odierna 22-08-2017

L’Università della Svizzera Italiana (USI) a Lugano ospiterà venerdì 6 e sabato 7 settembre il convegno “Italiamo”, primo incontro nazionale dei docenti d’italiano delle scuole...

“Italiamo”, all’USI di Lugano il primo incontro nazionale dei docenti d’italiano in Svizzera

L’Università della Svizzera Italiana (USI) a Lugano ospiterà venerdì 6 e sabato 7 settembre il convegno “Italiamo”, primo incontro nazionale dei docenti d’italiano delle scuole medie e medie-superiori all’USI.

Il convegno “Italiamo”, organizzato in collaborazione con l’Associazione svizzera dei professori d’italiano (ASPI – www.professoriditaliano.ch), intende essere un momento di riflessione sulla promozione dell’italiano in Svizzera, proponendo contemporaneamente varie presentazioni delle istituzioni della Svizzera italiana attive nella promozione dell’italiano, nonché molteplici discussioni e dibattiti.

Il principale obiettivo del convegno è di permettere ai docenti d’italiano di tutta la Svizzera di incontrarsi, conoscere le attività esistenti per la promozione dell’italiano e rafforzare le collaborazioni con le istituzioni della Svizzera italiana (governo, scuole e licei, università, radiotelevisione) attive nella promozione dell’italiano. L’USI accoglierà più di un centinaio di docenti d’italiano venuti da quasi tutti i cantoni svizzeri per partecipare al convegno.

Il convegno “Italiamo” sarà articolato in presentazioni, dibattiti, un’area fieristica e una tavola rotonda: il programma è visibile sul sito www.convegnoitaliamo.usi.ch.

Il convegno è riservato ai docenti d’italiano delle scuole medie e medie superiori, nonché ai formatori in didattica dell’italiano delle alte scuole pedagogiche; la tavola rotonda di venerdì 6 settembre (ore 17.30 – 19.30) sarà invece un momento di discussione aperta, a cui potranno prendere parte tutte le persone interessate all’argomento, nonché i rappresentanti dei media.

Durante le due giornate i partecipanti si confronteranno con i loro interlocutori avanzando proposte concrete per la promozione dell’italiano oltralpe. Il secondo giorno, sabato, le varie proposte saranno raccolte su una lavagna e discusse durante l’incontro conclusivo con i rappresentanti del Forum per la promozione dell’italiano in Svizzera, fondato dal Consiglio di Stato ticinese.

Il convegno avrà luogo quasi in concomitanza con la presa di posizione della commissione svizzera di maturità in merito al mancato rispetto dell’ordinanza concernete il riconoscimento dei diplomi di maturità, ordinanza notoriamente non rispettata da vari licei svizzeri. Un membro di questa commissione sarà presente alla tavola rotonda di venerdì 6 settembre, a cui parteciperà anche Nicoletta Mariolini, la nuova delegata al plurilinguismo. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento