Data odierna 23-08-2017

Quasi 600 decessi e 15’000 infezioni potrebbero essere evitati ogni anno in Svizzera, dove numerosi ospedali non rispettano le norme minime d’igiene, lo scrive il Tages-Anzeiger. Il quotidiano...

Infezioni negli ospedali: Svizzera bocciata

Quasi 600 decessi e 15’000 infezioni potrebbero essere evitati ogni anno in Svizzera, dove numerosi ospedali non rispettano le norme minime d’igiene, lo scrive il Tages-Anzeiger. Il quotidiano ha pubblicato oggi uno studio di SwissNoso, un gruppo di medici creato dall’Ufficio Federale di Salute Pubblica (UFSP) per formulare raccomandazioni nel campo della lotta alle infezioni. Lo studio ha messo in evidenza che il personale e i medici non si disinfettano le mani nel 60% delle situazioni in cui c’è la possibilità di farlo.

Rispetto ai paesi dell’Unione Europea e gli Stati Uniti, la Svizzera presenta un tasso di infezione ospedaliera più elevato. In particolare, le operazioni del sistema digestivo (colon, retto) pongono problemi. Un paziente su otto viene a contatto con un batterio durante l’operazione, mentre in Germania il tasso è di uno su 11 e uno su 16 negli Stati Uniti.

La maggior parte delle infezioni è evitabile – Un rispetto scrupoloso delle regole igieniche permetterebbe di evitare un buon numero di questi problemi. A questo proposito, SwissNoso consiglia i medici di “lavarsi sistematicamente le mani” quando l’occasione si presenta e di avviare un sistema di controllo. L’ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) intende migliorare l’aspetto igienico a partire dal 2015. “Un programma nazionale di controllo per ridurre il numero d’infezioni sarà messo in atto, al fine di far diminuire in maniera duratura e significativa il numero delle infezioni”, ha spiegato Manfred Lange, capo del progetto presso l’UFSP. A Losanna, presso il CHUV (centro ospedaliero universitario del Vallese) un tale programma è già stato lanciato, con dei buoni risultati.

Caccia alla pecora nera – Attualmente non esistono delle cifre per quanto riguarda i paesi più a rischi. SwissNoso e L’Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità negli ospedali e le cliniche (ANQ) prevedono di pubblicare una statistica in un futuro prossimo. Nel Regno Unito, una tale trasparenza esiste già. Con il sistema di assicurazione che permette la scelta dell’ospedale, l’igiene rischia di diventare un punto importante per fare concorrenza.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento