Data odierna 26-04-2017

Non solo fisici, chimici, biologi e ingegneri, ma anche architetti, giuristi, economisti e antropologi. È vasta e multidisciplinare la comunità di studiosi e ricercatori italiani in Sud Africa, dove...

Presenza accademica italiana in Sud Africa

Non solo fisici, chimici, biologi e ingegneri, ma anche architetti, giuristi, economisti e antropologi. È vasta e multidisciplinare la comunità di studiosi e ricercatori italiani in Sud Africa, dove a scienziati e accademici affermati vanno affiancandosi sempre più giovani ricercatori, attirati dal dinamismo scientifico del Paese africano.
Per favorire il confronto tra gli esponenti di questa crescente comunità e promuovere relazioni e occasioni di networking, il Consolato italiano a Cape Town, d’intesa con l’Ambasciata d’Italia a Pretoria ed in coordinamento con l’Addetto Scientifico, ha riunito lo scorso 14 agosto una rappresentanza di circa trenta studiosi italiani, tra accademici e ricercatori, provenienti dagli atenei della circoscrizione consolare di Cape Town come University of Cape Town (UCT), University of the Western Cape (UWC), Stellenbosch University e Rhodes University, oltre che da istituzioni di ricerca e del settore privato (come SKA e iThemba Labs).
I partecipanti alla riunione, coordinata dal Console italiano Alfonso Tagliaferri, hanno condiviso l’idea di promuovere una serie di conferenze divulgative, sia per dare maggiore visibilità alla presenza accademica italiana in Sud Africa, sia per incentivare la circolazione di informazioni su progetti universitari sudafricani ed europei ai quali i ricercatori italiani in Sud Africa potrebbero avere accesso.
I ricercatori hanno convenuto di continuare a riunirsi con cadenza trimestrale. Allo scopo, hanno eletto un coordinatore e un vice coordinatore delle future iniziative (che parteciperanno poi a un più ampio tavolo “di Sistema Italia” delle Province del Capo): Salvatore Mancuso, docente ordinario all’Università di Cape Town e Direttore del Centre for Comparative Law in Africa, e Mattia Vaccari, astrofisico presso l’Astrophysics Group of the University of the Western Cape. (aise) 

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento