Data odierna 11-12-2017

Proseguono le variegate celebrazioni per i 150 anni dall’Unità d’Italia a Monaco di Baviera. “Eccellenze d’Italia, l’Italia nel Mondo” è il tema dell’incontro organizzato...

PD a Monaco di Baviera: Il senatore Claudio Micheloni  per le celebrazioni del 150°

Proseguono le variegate celebrazioni per i 150 anni dall’Unità d’Italia a Monaco di Baviera. “Eccellenze d’Italia, l’Italia nel Mondo” è il tema dell’incontro organizzato dal locale Circolo PD, che si terrà lunedì 28 novembre, a partire dalle ore 19, presso la sede dello SPD (Bürgerbüro in Belgradstr.15).

All’evento, realizzato anche grazie alla “gentile e preziosa” collaborazione dello SPD Schwabing Nord e dell’ufficio di Franz Maget, vicepresidente del Parlamento Bavarese, parteciperanno lo stesso Maget ed il senatore del Pd eletto in Svizzera Claudio Micheloni, segretario della Commissione Affari Esteri e vicepresidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero di Palazzo Madama.

L’incontro, che sarà ad ingresso libero e si svolgerà in italiano e tedesco, sarà allietato dalla tastiera di Serena Chillemi. Nell’ambito dell’incontro verrà inoltre inaugurata la collezione di Poster sui premi Nobel Italiani in 150 anni di Italia unita.

Il 17 marzo 1861 a Torino viene proclamata l’unità d’Italia. Il Circolo “Sezione PD di Monaco di Baviera” ha voluto celebrare questo anniversario ricordando le personalità nel campo della scienza e della cultura che hanno reso famoso il nostro Paese nel mondo. Come esempio di queste eccellenze sono stati scelti i 19 premi Nobel italiani. Per ognuno di essi è stato preparato un poster che, insieme alle note biografiche, riporta le motivazioni del premio e indica la regione di provenienza.

“Come comunità italiana in Germania”, sottolineano da Monaco, “ci piace sottolineare come molte di queste eccellenze, soprattutto nel campo scientifico, abbiano contribuito a fare grande l’Italia lavorando e vivendo all’estero”

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento