Data odierna 26-04-2017

Con la circolare n. 124 dello scorso settembre, l’Inps ha dato notizia della recente pubblicazione di una guida pratica, predisposta dalla Commissione europea, che ha l’obiettivo di fornire un ulteriore...

Con la circolare n. 124 dello scorso settembre, l’Inps ha dato notizia della recente pubblicazione di una guida pratica, predisposta dalla Commissione europea, che ha l’obiettivo di fornire un ulteriore strumento conoscitivo a soli fini divulgativi, improntato alla massima praticità, della regolamentazione comunitaria di sicurezza sociale in materia di legislazione applicabile, diritti, obblighi e prestazioni pensionistiche e non, spettanti in particolare ai lavoratori migranti, persone non attive, studenti e turisti che si spostano nell’ambito dell’Unione europea.
Questa pubblicazione, denominata “Disposizioni UE sulla sicurezza sociale – I diritti di coloro che si spostano nell’Unione europea”, è utile al fine di diffondere la conoscenza della nuova normativa comunitaria tra tutti i cittadini, soprattutto quelli che risultano più direttamente coinvolti nella trattazione della materia internazionale e nell’attività divulgativa nei confronti di chi si sposta per lavoro o studio per l’Europa. Infatti, negli 8 capitoli della Guida, aggiornata a gennaio 2010, la Commissione europea fornisce risposte sintetiche alle domande più frequenti che riguardano la materia in argomento: 1) disposizioni UE sul coordinamento in materia di sicurezza sociale 2) organizzazione rinnovata dell’UE in materia di sicurezza sociale 3) individuazione dei soggetti a cui queste disposizioni sono applicabili 4) paesi nei quali valgono le disposizioni UE 5) questioni coperte dalle disposizioni UE sul coordinamento in materia di sicurezza sociale.
Il testo informativo, che tiene conto dei nuovi regolamenti comunitari in materia di sicurezza sociale entrati in vigore il 1° maggio di quest’anno, sarà messo a disposizione presso gli sportelli e nei locali delle Sedi dell’Inps su tutto il territorio nazionale per consentirne la consultazione. La guida è disponibile in 22 lingue ed è comunque scaricabile dal sito www.europa.eu della Commissione europea.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento