Data odierna 12-12-2017

“L’anno scorso, per la prima volta, sono state commemorate le vittime dell’incidente ferroviario avvenuto il 27 novembre del 1901, vicino a Seneca (Michigan) dove hanno perso la vita...

Nissoli (FI) -Le morti di Adrian (Michigan, USA) del 1901 sono parte della nostra storia migratoria ed è importante tenerne alta la memoria
“L’anno scorso, per la prima volta, sono state commemorate le vittime dell’incidente ferroviario avvenuto il 27 novembre del 1901, vicino a Seneca (Michigan) dove hanno perso la vita un centinaio di poveri immigrati italiani,  ammassati nei cosiddetti carri-bagagli del treno, che cercavano un futuro migliore in America. Furono arsi dalle fiamme e poi dimenticati!

Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato per ritrovare i resti dimenticati di questi italiani coraggiosi, dandoci oggi la possibilità di commemorarli per la seconda volta e considerarli parte importante della nostra storia migratoria.
Facciamo memoria del passato per fare tesoro della nostra storia, dei sacrifici fatti, e conservare i nostri valori centrati sulla persona e la difesa della nostra dignità in ogni contesto di vita. Grazie per l’impegno profuso in questa Direzione al sindaco di Adrian, Jim Berryman; al Console d’Italia in Detroit, Maria Manca; al Vice Segretario Generale del CGIE, Silvana Mangione; ai Comites di Detroit ed al loro Presidente, Domenico Ruggirello; alla Italian-American Community of Metro Detroit; al National Italian American Foundation; alla Dante Alighieri Society Michigan Chapter; al Calabria Club; all’ Italian American Club of Livonia and Charitable Foundation; all’ Italian American Club of West Michigan;
al Venetian Club; Armen and Wilma del Pup; Flatlander Sculpture Supply.”
Fucsia Fitzgerald Nissoli
(coordinatrice di Forza Italia in Nord e Centro America) in occasione della cerimonia di commemorazione delle vittime italiane dell’incidente ferroviario avvenuto 116 anni fa nei pressi del confine tra il Michigan e l’Ohio, lungo la Wabash Railroad.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento