Data odierna 24-09-2017

Mario Caruso, deputato eletto nella ripartizione Europa e presidente di Italia Civile Popolare (Icp), ha svolto alcuni incontri in Spagna con la comunità italiana accompagnato dalla delegata di Icp dell’Andalusia,...

Mario Caruso (Icp) incontra la comunità italiana in Spagna

Mario Caruso, deputato eletto nella ripartizione Europa e presidente di Italia Civile Popolare (Icp), ha svolto alcuni incontri in Spagna con la comunità italiana accompagnato dalla delegata di Icp dell’Andalusia, Letizia Blandina Dechambre, e dalla coordinatrice della circoscrizione di Granada, Antonia Ricciardi.

Gli incontri – spiega Caruso – “rientrano in quel percorso più ampio di radicamento sul territorio che Italia Civile Popolare sta tessendo fin dalla sua nascita”. “Gli italiani residenti in territorio spagnolo sono attivi e hanno voglia di impegnarsi per la comunità ed è giusto che la politica offra loro lo spazio necessario per esprimersi -  spiega il parlamentare, che è stato a Malaga, Granada, Marbella e Fuengirola.

“La comunità italiana in Spagna sta attraversando una fase di crescita. Incontrarla – prosegue Caruso – mi ha dato modo di rivivere i primi anni passati in Germania, quando iniziavano ad arrivare i primi italiani e si respirava quell’entusiasmo e quella voglia di rimboccarsi le maniche tipiche degli inizi. È importante, quindi, valorizzare queste risorse sia dal punto di vista commerciale che istituzionale”.

“Nel quadro generale di una crescita così veloce, quanto era stato strutturato negli anni passati non è più in grado di reggere questo impatto tanto che oggi, purtroppo, i nostri connazionali residenti nella penisola iberica lamentano la distanza di una rete consolare che non riesce a far sentire la propria presenza – rileva il parlamentare, ricordando come i connazionali residenti in loco sono “più di 150mila, mentre i consolati di riferimento sono solamente due, quello generale di Barcellona e la cancelleria consolare di Madrid, seppur coadiuvati dagli uffici onorari”. “L’assistenza fornita da questi uffici, quindi, non può soddisfare i bisogni di una comunità così numerosa e strutturata. La rete va ripensata – conclude – e calibrata in base alla nuova realtà che si è delineata in questi ultimi anni”

“Sono convinto – afferma ancora Caruso – che la politica, quella vera, si faccia tornando tra la gente comune e ascoltando le loro istanze. La risposta riscontrata finora tra i cittadini, che partecipano con passione ed entusiasmo ai nostri incontri, dimostra che questa è la strada giusta”. (Inform)

 

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento