Data odierna 19-08-2017

Sabato scorso si è svolta a Civitanova Marche la XVI Giornata dell’Emigrazione promossa dal Comune di Civitanova, alla presenza fra gli altri del senatore del Psi eletto all’estero Fausto Longo. La...

Longo alla XVI giornata dell’emigrazione di Civitanova Marche

Sabato scorso si è svolta a Civitanova Marche la XVI Giornata dell’Emigrazione promossa dal Comune di Civitanova, alla presenza fra gli altri del senatore del Psi eletto all’estero Fausto Longo.

La cerimonia, tenutasi nell’aula consiliare alla presenza delle autorità cittadine, ha visto premiare con l’attestato di “Civitanovese nel mondo” persone che si sono contraddistinte all’estero per l’impegno sociale e nelle arti.

Nella circostanza si è esibito il Coro polifonico Jubilate Città di Civitanova Marche che ha anche eseguito l’inno nazionale argentino e italiano.

Un collegamento con il satellite ha permesso uno scambio di saluti con civitanovesi nel mondo mentre una delegazione di concittadini oriundi provenienti dall’Argentina, presente in sala (Domenico Granatelli, Ivan Schargrodsky, Sebastian Villaverde Bartolini e Maria. Julia Villaverde Bartolini) riceveva il saluto del sindaco Corvatta e del presidente del Consiglio comunale con delega per l’Emigrazione Costamagna. Il sindaco ha anticipato che il prossimo anno verrà dedicata particolare attenzione alla nuova emigrazione.

Della delegazione argentina sono intervenuti, tra gli altri, il giovane presidente di Federmarche una delle due importanti federazioni dei marchigiani in Argentina.

Il vicepresidente dell’Istituto Fernando Santi invitato all’iniziativa insieme a Roberto Vezzoso presidente dell’Istituto F. Santi nelle Marche è intervenuto evidenziando “l’importanza delle associazioni nella vita delle comunità italiane all’estero ed il forte rilievo di quelle marchigiane in Argentina, testimoniato dal loro numero, dal volume e dalla qualità delle attività svolte. Una Regione, le Marche, sempre attiva in tema di rapporto con marchigiani emigrati e di cooperazione. Il ricordo va, in specie, all’assessore Elio Capodaglio, un antesignano nell’impegno verso l’emigrazione dalle Marche proseguito poi da cittadino nella CGIL e nell’Istituto F. Santi fino alla sua scomparsa”.

Molto atteso l’intervento del sen. Fausto Longo (Psi), eletto in Sud America, il quale ha detto: “senza memoria non c’è futuro ma con la sola nostalgia di una Italia che oggi è cambiata, non siamo in grado di dare le giuste risposte ai problemi complessi che l’Italia si trova di fronte a sé”.

“Occorre far rinascere nel 2014, rinnovandoli, i Comites”, ha aggiunto Longo, “che 8 anni di proroga hanno finito per immobilizzare. Andare al rinnovo in modo trasparente e partecipato serve anche per contribuire a dare futuro alla presenza italiana organizzata e non solo ai singoli”, ha concluso. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento