Data odierna 24-06-2017

Il Comites di Lille - Francia del nord – ospita una biblioteca per la comunità italiana. Artefice ne è stata la consigliera Maria G. Vitali, che qui scrive com’è andata. “Per ora sono...

Lille: biblioteca per la comunità italiana

Il Comites di Lille - Francia del nord – ospita una biblioteca per la comunità italiana. Artefice ne è stata la consigliera Maria G. Vitali, che qui scrive com’è andata.
“Per ora sono stati portati nella sede del Comites un centinaio di volumi. Camilleri, Rea, Vassalli, Calvino, Di Giovanni, Ginzburg, Bobbio, molto ben accolti da un “bibliotecario” membro cooptato del Comites dal 2015, il generoso Leandre Naddeo, ingegnere chimico, francese originario della Lorena, di origini paterne abruzzesi, ora in pensione dopo aver lavorato anche in Lombardia. Membro della UIM, è volontario in numerose associazioni di beneficenza, un “fanatico” della storia, della politica e della cultura italiane”.
“Ho voluto donare questi libri – spiega Maria G. Vitali-Volant, professoressa universitaria in pensione – mettendoli a disposizione dei miei concittadini. Si tratta non dii libri di ricerca universitaria, o saggi di lavoro, ma di saggi e narrativa, italiana e francese contemporanee, per il piacere della lettura e la diffusione della lingua italiana. Un libro è un bene comune, un messaggio scambiato da un mondo all’altro, da una cultura all’altra e anche un frammeno della memoria, un dono di un insegnante ai suoi amici”, annota Maria G. Vitali-Volant, sottolineando l’entusasiasmo con cui l’iniziativa è stata accolta dal Presidente del Comites di Lille Carmelo Sortino, da Leandre Naddeo e dagli altri membri del Comites.
“Ora – scrive la consigliera – Leandre è il Conservatore della nostra memoria e di un frammento della nostra cultura, a lui è stato affidato il compito di inventariare, catalogare e proteggere, insieme a tutti i membri del Comites, questo patrimonio comune”.
Ora, insieme ai connazionali e ai – si spera – tanti che vorranno approfittare dei libri messi a disposizione dal Comites, Vitali – Volant intende trovare un nome per la biblioteca. Non solo: “ho anche lanciato un’altra proposta: un corso gratuito per studenti, ricercatori e lettori di conservazione dei documenti e di biblioteconomia che terrò nella sede del Comites in un prossimo futuro”.

(aise) 

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento