Data odierna 22-10-2017

Si è svolta ieri pomeriggio a Roma la riunione dell’Ufficio di Presidenza della Consulta Nazionale dell’Emigrazione. I punti all’ordine del giorno sono stati introdotti dal presidente Luigi Papais...

La consulta nazionale dell’emigrazione decide una nuova fase costituente

Si è svolta ieri pomeriggio a Roma la riunione dell’Ufficio di Presidenza della Consulta Nazionale dell’Emigrazione. I punti all’ordine del giorno sono stati introdotti dal presidente Luigi Papais e da Rino Giuliani, vicepresidente della CNE.

Nel dibattito molto intenso che ha coinvolto la totalità dei partecipanti sono state prese in esame le vicende relative al rinnovo dei Comites – del quale anche la Cne chiede lo svolgimento nei primi mesi dell’anno prossimo – e ai temi della rappresentanza, di cui si è occupato il Cgie nell’ultima plenaria.

Oggetto principale del dibattito interno alla CNE è stato il documento deciso nella precedente riunione della Consulta, con il quale sono stati delineati i principi e le modalità del rilancio del ruolo della CNE e dell’associazionismo in Emigrazione.

Si tratta di un testo predisposto dalla presidenza nei due mesi passati, sul quale vi è stato un sostanziale ed esplicito consenso degli intervenuti.

Il testo, nella sua stesura finale, verrà portato a conoscenza delle strutture di ognuna delle associazioni aderenti, così da far valutare in modo più esteso possibile analisi e proposte della CNE e da rendere più facile il confronto e l’adozione delle conseguenti decisioni che la Consulta assumerà entro la fine di settembre prossimo, per il rilancio dell’associazionismo in emigrazione.

Punto nodale del testo l’intenzione della CNE di “aprire una nuova fase costituente in grado di realizzare assetti organizzativi comuni che ne rafforzino la necessaria autonomia ed indispensabile soggettività, il portato culturale derivante dalla storia del mondo associativo, contribuendo così a completare e a legittimare in forma coerente la rappresentanza sociale, pur se diversificata da quella politica propria dei partiti o di movimenti similari il cui sbocco naturale è il voto e la rappresentanza parlamentare”.

Una fase costituente “capace di delineare e aggiornare la funzione della Consulta Nazionale dell’Emigrazione alla luce dei nuovi scenari – inclusi quelli determinati dalla nuova emigrazione – per individuare nuovi elementi di progettualità e di azione per i prossimi decenni”. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento