Data odierna 24-09-2017

Buone notizie per i lucani residenti all’estero. A Matera una modifica al regolamento comunale, che dovrà ora essere sottoposto al consiglio, cambierà il regolamento IMU mettendo i proprietari...

Il sindaco di Matera sull’IMU: Trovata una soluzione per emigrati e anziani

Buone notizie per i lucani residenti all’estero. A Matera una modifica al regolamento comunale, che dovrà ora essere sottoposto al consiglio, cambierà il regolamento IMU mettendo i proprietari residenti all’estero nella stessa condizione dei propri concittadini in Italia.

Venerdì scorso, infatti, il sindaco di Matera, Salvatore Adduce, in relazione all’ordine del giorno presentato dal gruppo del Pd in Consiglio comunale sul regolamento dell’Imu, ha assicurato che la questione è stata già oggetto di una verifica in merito alle procedure da attivare per evitare che alcuni cittadini, proprietari di una sola casa, ma residenti per varie ragioni in un diverso domicilio, siano costretti a pagare l’aliquota prevista per la seconda casa senza poter usufruire delle detrazioni previste per l’abitazione principale.

“Ho condiviso subito il problema che il gruppo consiliare del Pd mi ha sottoposto ritenendo che l’applicazione dell’Imu, così come prevede la norma, comporti gravi discriminazioni colpendo soprattutto alcune fasce di cittadini materani che per motivi di lavoro sono stati costretti a risiedere all’estero o in altre città italiane”, ha spiegato Adduce. “Ancor più gravi sono i casi di persone anziane che per problemi di salute risiedono in luoghi di cura o case di riposo”.

Il primo cittadino di Matera ha pertanto predisposto “una specifica modifica al regolamento comunale che sarà sottoposto al consiglio comunale. La modifica consentirà, cambiando l’attuale art.4 del regolamento IMU, di assimilare le case di proprietà di cittadini materani emigrati all’estero o in altre città italiane per motivi di lavoro e agli anziani ricoverati in case di cura o di riposo di usufruire di tutte le agevolazioni previste per l’abitazione principale. Fermo restando che le persone interessate non siano proprietari di altre case”. (aise)

Oppure condividila!

Notizie simili

Lascia un commento

Invia il commento