Data odierna 24-06-2017

“Il Consiglio Generale ha portato avanti la sua missione, quella di essere a fianco degli italiani all’estero, nonostante le difficoltà politiche e finanziarie”. Inizia così il messaggio...

Guarda le immagini IL SEGRETARIO GENERALE CAROZZA SCRIVE AI CONSIGLIERI CGIE E AI COMITES

“Il Consiglio Generale ha portato avanti la sua missione, quella di essere a fianco degli italiani all’estero, nonostante le difficoltà politiche e finanziarie”. Inizia così il messaggio di auguri che il segretario generale del Cgie Elio Carozza ha inviato a tutti i consiglieri e ai Comites sparsi nel mondo in vista delle vacanze natalizie e dell’inizio del nuovo anno.
“Sono ancora vive nella memoria di tutti noi – si legge nel messaggio – le immagini delle manifestazioni organizzate a margine delle Commissioni Continentali e nel corso dell’Assemblea Plenaria. Quella grande e sentita partecipazione rappresenta ancora oggi la volontà di milioni di nostri connazionali all’estero di essere cittadini italiani a pieno titolo, con tutti i diritti e tutti i doveri. Non solo per la storia che essi rappresentano e per il contributo fondamentale allo sviluppo del nostro Paese, ma soprattutto per il potenziale che esprimono nel Mondo e che consegnano all’Italia”.
“Un valore e un patrimonio – sottolinea Carozza – non solo economico, ma soprattutto di esperienze e di conoscenze. I giovani italiani e di origine italiana hanno proseguito autonomamente il lavoro intrapreso con la Conferenza Mondiale del 2008, sviluppando incontri ed iniziative sul territorio. Il Consiglio Generale si impegnerà, come ha sempre fatto, a mantenere vivo il loro coinvolgimento perché rappresentano il futuro della rappresentanza italiana all’estero”.
“In questo anno – ricorda il segretario generale – si è realizzata la seconda edizione di “Europa in movimento”, incontro organizzato e fortemente voluto dal CGIE e che costituisce un tassello fondamentale nel percorso per il riconoscimento, da parte della UE, degli organismi rappresentativi dei cittadini europei non residenti nel proprio Paese d’origine. Si apre così una nuova prospettiva dalla quale dipenderà molto il futuro di milioni di persone che vivono o decideranno di vivere in un Paese diverso da quello d’origine e di cui anche noi come Consiglio Generale abbiamo contribuito a costruire le fondamenta”.
“Vi sono grato per il lavoro puntualmente svolto da ognuno di voi nei Paesi di residenza, come quello delle Commissioni Tematiche e Continentali”, prosegue. “Un grazie particolare lo rivolgo alle Consulte regionali, ai Presidenti e ai Consiglieri dei Comites e a tutta la rete associativa, in Italia e nel mondo, per la sinergia, la collaborazione e il raccordo a livello territoriale”.
“Come certamente saprete nel 2011 si celebrerà l’importante avvenimento del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. In tale rilevante occasione – annuncia Carozza – offriremo il nostro massimo contributo insieme alle autorità diplomatico-consolari per la realizzazione di eventi celebrativi nei rispettivi Paesi di residenza; senza dimenticare poi l’organizzazione dell’Assemblea Plenaria di maggio nella città di Torino, sede del primo Parlamento italiano, per la quale abbiamo richiesto la presenza del nostro Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. A tutte e tutti, come ai vostri cari, gli auguri più sentiti e più veri per le prossime festività”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento