Data odierna 21-10-2017

“La celerità e la freddezza con cui l’Ambasciata d’Italia a Canberra ha comunicato la soppressione dei Consolati di Brisbane e Adelaide mi lasciano esterrefatto. E’ una nota che indigna...

Giacobbe: Nota ambasciata Canberra mi lascia esterefatto

“La celerità e la freddezza con cui l’Ambasciata d’Italia a Canberra ha comunicato la
soppressione dei Consolati di Brisbane e Adelaide mi lasciano esterrefatto. E’ una nota che
indigna e lascia sbigottiti”. Così Francesco Giacobbe, senatore del Partito Democratico eletto
nella ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide, commenta la nota con cui l’Ambasciata
d’Italia a Canberra ha comunicato ai cittadini la cessazione delle attività delle sedi di Brisbane e
Adelaide a partire dal 28 febbraio 2014.
“Perché creare confusione e smarrimento nella nostra comunità?”, chiede Giacobbe. “Al di là
dell’incomprensibile fretta con cui l’ambasciata ha comunicato la decisione del MAE – sottolinea
Giacobbe – è il contenuto della nota che non mi ha convinto. L’Ambasciata, infatti, ha omesso
di spiegare nel dettaglio che fine faranno le pratiche dei nostri connazionali, con che modalità
dovranno rivolgersi alle nuove sedi riceventi di Melbourne e Sydney e che effetti avranno
queste soppressioni sull’efficienza della rete diplomatico-consolare italiana in Australia”.
“Come ho già fatto nei giorni scorsi – conclude – voglio ribadire il mio secco ‘no’ alla chiusura dei
Consolati di Adelaide e Brisbane. Il ‘riorientamento’ della rete diplomatico-consolare, infatti,
non deve falciare i servizi alla nostra comunità che, semmai, vanno rivisti. La ‘spendig review’
non deve diventare metafora di chiusura delle sedi consolari”.

Oppure condividila!

Notizie simili

Lascia un commento

Invia il commento