Data odierna 22-10-2017

“In questa fase di grave crisi economica introdurre un aumento del 4% del contributo previdenziale su un reddito prodotto all’estero può di fatto penalizzare la competitività internazionale del Paese....

Garavini interroga Govannini: Favorire la competitività all’estero dei nostri professionisti

“In questa fase di grave crisi economica introdurre un aumento del 4% del contributo previdenziale su un reddito prodotto all’estero può di fatto penalizzare la competitività internazionale del Paese. In questo difficile contesto si rischia di compromettere seriamente gli sforzi del settore produttivo italiano, già in situazione di grande sofferenza”.

Deputata del Pd eletta in Europa e componente dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo Pd alla Camera, Laura Garavini ha presentato un’interrogazione al Ministro del Lavoro, Giovannini, in cui chiede al Ministero di “sensibilizzare Inarcassa affinché elimini l’aumento di questo contributo previdenziale, che riguarda solo chi opera all’estero”.

“Qui non è in discussione il valore del contributo previdenziale”, precisa Garavini, “che è fondamentale per il futuro dei lavoratori. Il problema è il criterio arbitrario all’origine dell’aumento del contributo, con il quale si discriminano i lavoratori italiani all’estero e si rischia di frenare la produttività italiana in una congiuntura delicata come quella attuale”.

“I nostri professionisti che operano all’estero”, continua Garavini “sono già penalizzati dai troppi ostacoli al mercato del lavoro, anche all’interno dell’Unione Europea. Aggiungere ulteriori oneri – conclude – non solo è ingiusto ma è anche controproducente”. (aise)

Oppure condividila!

Notizie simili

Lascia un commento

Invia il commento