Data odierna 22-09-2017

“Per fare i conti con il nostro passato, fascista in Italia e nazista in Germania, ci vuole più coraggio”. Lo ha affermato Laura Garavini, deputata del Pd eletta in Europa, a Kassel per commemorare...

Garavini a Kassel per commemorare gli italiani uccisi da Gestapo

“Per fare i conti con il nostro passato, fascista in Italia e nazista in Germania, ci vuole più coraggio”. Lo ha affermato Laura Garavini, deputata del Pd eletta in Europa, a Kassel per commemorare i 78 lavoratori coatti italiani trucidati nel 1945 dalla locale Gestapo.

“Ci vuole più coraggio in Italia, perché abbiamo portato in tribunale troppi pochi criminali fascisti e non abbiamo dedicato nessun monumento nazionale alla memoria di tutte le vittime del fascismo. E ci vorrebbe più coraggio anche in Germania”, ha aggiunto la Garavini. “Qui vivono ancora diversi criminali nazisti, condannati da corti europee, anche italiane, che non hanno scontato la loro pena. La Germania infatti non ha ancora recepito il mandato di arresto europeo a causa dell’articolo 16 della costituzione tedesca, che proibisce l’estradizione di propri cittadini all’estero. Va detto: – sottolinea la deputata Pd – questo rifiuto è un ostacolo all’integrazione europea. Questi criminali dovrebbero scontare le loro pene. Eventualmente lo facciano in Germania, ma lo facciano”.

“I 78 lavoratori coatti italiani uccisi dalla Gestapo a Kassel, – ricorda Garavini – in qualità di soldati si erano rifiutati di continuare la guerra sotto la bandiera fascista. Erano giovani che, nonostante le minacce e il pericolo di perdere la vita, ebbero il coraggio di dire “No”. Soprattutto per onorare la loro memoria – conclude – dobbiamo impegnarci perché la giustizia faccia finalmente il suo corso”.

La commemorazione, organizzata da Diodoro Cocca, Presidente del Comitato d’intesa di Kassel, ha visto la presenza del sindaco della città Bertam Hilgen, del Presidente della Provincia, Uwe Schmidt e di sindaci e studenti provenienti da diverse città italiane che furono vittime di repressioni nazi-fasciste durante la Seconda guerra mondiale.

Oppure condividila!

Notizie simili

Lascia un commento

Invia il commento