Data odierna 18-08-2017

“I partiti tradizionali sembrano quasi essersi dimenticati degli italiani residenti all’estero; oltre a comunicati e dichiarazioni di questo o quell’esponente politico targato PdL, Pd, M5S o Scelta...

Filosa: Per noi italiani all’estero sempre in primo piano

“I partiti tradizionali sembrano quasi essersi dimenticati degli italiani residenti all’estero; oltre a comunicati e dichiarazioni di questo o quell’esponente politico targato PdL, Pd, M5S o Scelta Civica, poco o nulla si muove per ciò che riguarda gli italiani nel mondo”.

È quanto dichiara Ricky Filosa, Coordinatore del MAIE in Centro America, sottolineando che “il Movimento Associativo Italiani all’Estero, invece, non solo mette sempre al primo posto i connazionali residenti oltre confine (solo grazie al MAIE gli italiani nel mondo sono stati protagonisti in Parlamento durante le dichiarazioni di voto in occasione della fiducia a Letta), ma continua a lavorare sul territorio, a livello mondiale, per costruire un network sempre più forte e per ascoltare e dare risposte a quegli italiani che vivono lontani dallo Stivale”.

“Proprio per rafforzare la propria presenza in Europa – annota Filosa – il MAIE organizza per il 26 ottobre, a Londra, Regno Unito, un Congresso che riunirà i coordinatori europei del movimento e al quale parteciperà tutta la delegazione parlamentare del MAIE, dal presidente Ricardo Merlo a Mario Borghese e Claudio Zin. Il messaggio è chiaro: il MAIE dimostra di avere una marcia in più rispetto alle altre forze politiche: una sfida che i partiti tradizionali, dal PdL al Pd, compreso il M5S, non possono non cogliere – conclude Filosa – se vogliono essere davvero presenti a livello politico nell’universo degli italiani nel mondo”. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento