Data odierna 22-06-2017

Per illustrare tutte le novità introdotte e le opportunità da attivare con “Erasmus+”, il pacchetto che permetterà a cinque milioni di giovani dai 13 ai 30 anni di studiare all’estero...

Erasmus+: Novità e opportunità del pacchetto UE in un seminario a Trento

Per illustrare tutte le novità introdotte e le opportunità da attivare con “Erasmus+”, il pacchetto che permetterà a cinque milioni di giovani dai 13 ai 30 anni di studiare all’estero nel periodo 2014-2020, il Servizio Europa della Provincia autonoma di Trento, in collaborazione con lo Europe Direct Trentino e il Centro di Documentazione Europeo organizzano un seminario informativo per domani 28 gennaio rivolto al mondo della scuola, delle politiche giovanili e dello sport.
Al seminario interverranno: Anna Butteroni dell’Isfol, Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, un ente pubblico di ricerca, che opera per lo sviluppo dei sistemi della formazione, dell’orientamento e delle politiche del lavoro svolgendo e promuovendo attività di studio, ricerca, sperimentazione, valutazione, consulenza ed assistenza tecnica e fornendo supporto tecnico-scientifico allo Stato, alle Regioni e province autonome, agli Enti locali; Pietro Michelacci di Indire, Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa, il più antico istituto di ricerca del Ministero dell’Istruzione che da sempre accompagna l’evoluzione del sistema scolastico italiano investendo in formazione e innovazione e sostenendo i processi di miglioramento della scuola. L’ente guarda all’Europa attraverso il Lifelong Learning Programme e le tante collaborazioni internazionali, contribuendo allo sviluppo di una rete di contatti, scambi, flussi di informazioni ed esperienze fra scuole, studenti, aziende e istituzioni di tutti i Paesi dell’UE.
Presente anche Sara Pietrangeli dell’ Ang, Agenzia nazionale giovani, ente di promozione e valutazione dei bandi europei per l’Italia.
Erasmus+ è un “marchio” che unifica le diverse facce del programma: il più famoso “Erasmus” (rivolto agli studenti universitari), poi “Erasmus Mundus” (per i ragazzi dei Paesi terzi), “Comenius” (per gli alunni delle scuole superiori), “Leonardo da Vinci” (per chi vuole fare gli stage), “Groundtvig” (per gli adulti) e le diverse iniziative per l’interscambio. Non solo.
Al suo interno è previsto anche l’avvio di un sistema di prestiti agevolati per chi vuole fare un master (di uno o due anni) all’interno dell’Unione europea. E ancora: borse di studio per giovani, insegnanti e apprendisti, fondi per la formazione nel settore sportivo e per il sostegno di associazioni e Ong. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento