Data odierna 20-10-2018

Mi chiamo Paolo Margari, e come tanti italiani oltre confine, ho origini pugliesi. Oggi vivo a Bruxelles. Mi sento un esploratore di luoghi e di vite. La curiosità mi ha portato a sperimentare numerose...

Elezioni politiche 2018 – Paolo Margari – Candidato M5S alla Camera dei Deputati – Appello al voto
Mi chiamo Paolo Margari, e come tanti italiani oltre confine, ho origini pugliesi. Oggi vivo a Bruxelles. Mi sento un esploratore di luoghi e di vite. La curiosità mi ha portato a sperimentare numerose esperienze, incontrando persone meravigliose lungo la strada . Ho viaggiato molto negli ultimi 15 anni, avendo vissuto a Londra, Sheffield, Roma, Milano, Lecce, Bari e ultimamente Bruxelles. Nel frattempo ho conseguito una laurea in economia, un master in pianificazione territoriale e urbana a Sheffield, un dottorato di ricerca (PhD) in geografia economica, occupandomi fra le altre cose di lavoro precario, criminalità, turismo, sviluppo locale e partecipazione dei cittadini ai progetti di sviluppo del loro territorio. Ho svolto vari lavori, dal portiere di notte in albergo all’operatore di call center, dall’insegnante in corsi scolastici e universitari allo speaker radiofonico, dal ricercatore accademico al fotografo pubblicitario. Ho fatto anche l’arbitro di calcio. Dal 2010 mi occupo di business development e marketing, avendo lavorato prima per l’ente culturale britannico, poi per una startup di equity crowdfunding, infine come consulente di digital marketing indipendente. Sono residente in Belgio e e-resident in Estonia, affascinato dai traguardi del piccolo paese baltico in fatto di digitalizzazione e sburocratizzazione, aspetti che spero si possano vedere presto anche in Italia, ne abbiamo bisogno.
Perché ho scelto il MoVimento 5 Stelle? Il M5S è stata una scelta naturale sin dal lontano 2006, quando aderì al primo MeetUp di Lecce partecipando alla campagna Parlamento Pulito. Negli anni ho fatto attivismo anche a Roma e Milano, dove ho vissuto e tanto attivismo online. Oggi abbraccio appieno i punti del programma del MoVimento 5 Stelle, e mi dispiace che molti di coloro che leggono le frequenti critiche sulla stampa partitocratica non spendano lo stesso tempo per leggere il meraviglioso programma elettorale che per il M5S non è una chimera bensì qualcosa di fattibile e urgente per il Paese.
Per gli italiani all’estero, in particolare gli italiani residenti in Europa ci sono dei punti specifici che riguardano la riorganizzazione delle istituzioni affinché siano più vicine ai cittadini. Negli anni recenti i governi di centrodestra e centrosinistra hanno effettuato tagli che hanno causato disservizi e lentezze. Vogliamo introdurre più digitalizzazione e armonizzazione dei sistemi per velocizzare i servizi e ridurre gli sprechi, tanti. Anche enti come i Comites vanno potenziati al fine di avvicinarli ai cittadini che spesso ignorano la loro esistenza o le loro funzioni. Qui non si tratta di elargire finanziamenti a pioggia a fini elettorali, ma di ascoltare, interpretare e migliorare il sistema che evidentemente oggi non produce quanto si è prefisso.
E’ importante anche lavorare su aspetti relativi alla previdenza e alla fiscalità, in particolare l’IMU sulla prima casa che per i residenti all’estero è trattata come seconda casa quindi si deve pagare. Su questo molti politici promettono allegramente esenzioni che oltre a essere spesso irrealizzabili in quanto non presenti nel loro programma, beneficerebbero soprattutto i più abbienti che vivono in paradisi fiscali e dispongono di grandi immobili nei centri di importanti città. Per noi vige il principio che nessuno deve restare indietro, neanche chi emigra, pertanto è importante operare in modo oculato, perché vi sono casi molto differenti, ma non si può e non si deve certo ignorare il problema sollevato da numerosi cittadini.
Per i tanti residenti nel Regno Unito in particolare, il M5S vuole assicurare pari diritti anche dopo la #Brexit. Anche a livello sanitario, sappiamo che molti cittadini non si iscrivono all’AIRE per non perdere il diritto al trattamento sanitario in Italia. Questo nega un diritto/dovere dell’italiano all’estero di essere iscritto al consolato, pertanto cercheremo forme idonee per garantire una copertura sanitaria in situazioni in cui ad esempio il paese estero non garantisce livelli di qualità in linea con quelli italiani. Infine, non ultimo, è importante migliorare il sistema di voto all’estero. In questi giorni molti cittadini mi scrivono chiedendo se, come e quando potranno votare. E’ evidente che c’è scarsa informazione. Pensiamo che solo nella ripartizione Estero/Europa si registra un’astensione superiore al 70%. Questo non riguarda solo cittadini disaffezionati dalla politica (tanti purtroppo, sempre più a causa dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni), ma anche cittadini ignari del loro diritto di voto, una straordinaria conquista democratica invero sottostimata rispetto ai numeri, poiché gli eletti all’estero sono solo il 2% del totale dei parlamentari, mentre la popolazione italiana all’estero, solo quella ufficiale, rappresenta quasi il 10%. Se poi aggiungessimo coloro i quali vivono all’estero pur non essendo iscritti all’AIRE, credo che si possa andare oltre il 15%. Bene, una grandissima maggioranza di questi cittadini non partecipa alla vita politica del nostro paese. Questo è grave. Per questo il MoVimento 5 Stelle vuole introdurre sistemi per migliorare la loro partecipazione e minimizzare casi di brogli sempre presenti nel voto estero. Dobbiamo dire basta a casi di plichi elettorali non consegnati, rubati e votati per altri, smarriti, inviati due volte, incompleti, venduti (vi sono alcune inchieste giornalistiche che parlano di questo ad ogni tornata elettorale). Il voto, anche all’estero, deve tornare a diventare personale, uguale, libero e segreto, come recita la nostra meravigliosa Costituzione.
Da elettore, giudico l’operato dei parlamentari eletti in Europa in modo piuttosto negativo. Vivo all’estero da anni, seguo la politica con passione ma onestamente dei parlamentari esteri mi accorgo solo in campagna elettorale. E’ ovvio che per molti il seggio conquistato all’estero è solo un trampolino di lancio per una carriera politica consumata a Roma. Non deve essere così. Sinora quindi giudico l’operato in modo molto negativo, ma mi auguro che con un buon risultato del M5S tutto questo possa cambiare.
Sappiamo cosa hanno prodotto i governi delle ultime legislature: inciuci, austerità, vili sottomissioni ai poteri dei banchieri europei, tentativi di riscrivere la costituzione a proprio piacimento trasformando il Senato in un salvacondotto per politici locali con guai giudiziari (tentativo fortunatamente fallito grazie ai cittadini che lo hanno bocciato in massa al referendum). Ci proveranno ancora, ci provano sempre. Noi siamo la prima forza politica italiana ma una legge elettorale penosa ci penalizza. Parlo del Rosatellum, una legge scritta appositamente contro di noi e per favorire i posti sicuri a una ristretta cerchia di politicanti “paracadutati” nelle liste bloccate. Per questo chiediamo ai cittadini di metterci alla prova, per una volta. Questa è la volta decisiva, nei prossimi anni si decideranno cose importantissime per il futuro di tutti noi e del nostro Paese. Non si può affidare la nostra sorte in mano a personaggi cinici, mossi solo dal proprio spietato carrierismo politico. Faccio parte di una lista che presenta ottimi candidati, competenti e motivati. E’ possibile esprimere sino a due preferenze. Io, personalmente, mi sento pronto a rappresentare al meglio i cittadini all’estero, poiché vivo all’estero da anni (prima nel Regno Unito, poi in Belgio) e conosco da vicino le problematiche di una comunità numerosissima costituita da migranti di diverse generazioni che hanno sempre pagato il prezzo di una politica romana lontana dalle nostre esigenze, che una volta attraversato il confine ci considera cittadini di serie B se non peggio. Io ci sono, se vorrete darmi la possibilità. Troverete molto di più sulla mia pagina facebook.com/PaoloMargariM5S – invitate i vostri amici, parenti e conoscenti residenti all’estero, il passaparola è fondamentale anche perché il M5S non dispone dei fondi pubblici intascati dalle altre forze politiche, noi rinunciamo ai rimborsi elettorali e preferiamo mettere quei denari a disposizione di un fondo per il microcredito alle piccole e medie imprese italiane.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento