Data odierna 22-06-2017

“Abbiamo accolto la disponibilità del ministro Mogherini ad inaugurare un “metodo diverso rispetto a quello usato finora” e di questo non possiamo che compiacerci, ma questa apertura...

Di Biagio al ministro Mogherini: Spostiamo il confronto in Parlamento

“Abbiamo accolto la disponibilità del ministro Mogherini ad inaugurare un “metodo diverso rispetto a quello usato finora” e di questo non possiamo che compiacerci, ma questa apertura deve necessariamente tradursi in quel confronto parlamentare sul tema del pacchetto chiusure consolari che finora è mancato”. Lo dichiara in una nota Aldo Di Biagio, vice presidente vicario del gruppo Per l’Italia al Senato, commentando l’audizione in Commissione esteri del ministro Mogherini sulle linee programmatiche del Dicastero.

Di Biagio spiega di condividere “pienamente l’affermazione del ministro secondo cui “la politica estera è un investimento per il Paese” e sono anche consapevole degli impegni della spending review in merito all’esigenza di approdare a servizi più efficaci, leggeri ed economicamente più vantaggiosi, che si orientino in una prospettiva di razionalizzazione reale e funzionale”.

“Tutto perfetto, ma”, precisa Di Biagio, “in attesa che si arrivi a questo e che si approdi alla tanto agognata emancipazione delle funzioni consolari dalla struttura sul territorio e dal personale che materialmente riceve ed ascolta l’Italiano in loco, non è fattibile tagliare i servizi consolari lasciando prive di riferimento quelle aree europee dove si concentrano le più vaste comunità italiane e che continuano ad essere meta di eccellenza delle nuove emigrazioni”.

“Bisogna spostare una volta e per tutte il confronto in Parlamento, che”, conclude Di Biagio, “è la sede legittimata a proporre e discutere con il Governo del processo di riorganizzazione della rete estera”. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento