Data odierna 21-07-2017

“Solidarietà” ai connazionali che oggi manifestano contro la chiusura del Consolato di San Gallo. Ad esprimerla è Dino Nardi, consigliere del Cgie e coordinatore europeo della Uim, che, impossibilitato...

Consolato San Gallo, Nardi: Una chiusura da evitare

“Solidarietà” ai connazionali che oggi manifestano contro la chiusura del Consolato di San Gallo. Ad esprimerla è Dino Nardi, consigliere del Cgie e coordinatore europeo della Uim, che, impossibilitato a partecipare di persona alla manifestazione, ha comunque voluto inviare ai manifestanti un messaggio di vicinanza e, appunto, solidarietà, da parte di tutta la Uim per unire la sua voce a quella di chi si batte contro la chiusura della sede che “comporterà enormi disagi all’utenza italiana dell’intera Svizzera orientale, la quale, in futuro, per le sue necessità dovrà recarsi al Consolato Generale di Zurigo”.

Secondo Nardi, infatti, “la chiusura del Consolato di San Gallo, dopo quella recente di Coira, creerà grandi difficoltà soprattutto alla comunità italiana residente nel Cantone Grigioni ed il particolare ai connazionali dell’Engadina, del Moesano e della Val Poschiavo che, per la distanza geografica, neppure in una giornata riusciranno a poter sbrigare un qualsiasi impegno con l’amministrazione statale italiana dovendosi recare a Zurigo”.

“Auspichiamo, pertanto, – continua l’esponente Uim – che il Ministero degli Affari Esteri non resti sordo alle legittime proteste della comunità italiana della Svizzera orientale ed a quelle che noi consiglieri abbiamo già manifestato nell’ultima assemblea plenaria del CGIE ed ancora nel recente InterComites tenutosi a Berna. Ma confidiamo, innanzitutto, che pure i nostri eletti in parlamento della Circoscrizione Estero, anche nel caso di San Gallo, contribuiscano con la loro autorevolezza a far ripensare il Ministero degli Affari Esteri sulla sua chiusura ottenendo lo stesso successo che si é avuto recentemente nel salvare altre sedi consolari (Capodistria, Adelaide, Brisbane, ecc.) che – ricorda concludendo – per il MAE, erano pure destinate a chiudere”. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento