Data odierna 22-09-2017

A partire dal 1° novembre scorso il Consolato italiano di Ginevra ha esteso la sua competenza ai cantoni di Vaud e di Friburgo. Con la chiusura del Consolato di Losanna, tutti i dipendenti di quel Consolato...

A partire dal 1° novembre scorso il Consolato italiano di Ginevra ha esteso la sua competenza ai cantoni di Vaud e di Friburgo. Con la chiusura del Consolato di Losanna, tutti i dipendenti di quel Consolato si sono trasferiti a Ginevra.

La sede è stata rinnovata anche nella struttura. A visitarla è stato Carmelo Vaccaro, coordinatore della Saig, che spiega: “il Consolato conta adesso 23 dipendenti, ed amministra ben 120.000 italiani. È il più grande Consolato italiano in Svizzera. Per ospitare la nuova struttura il Consolato ha proceduto ad una serie di lavori di ristrutturazione, sia per preparare i locali della sede consolare al nuovo staff, sia per dare un volto nuovo e moderno al Consolato”.

“Nei mesi di agosto-novembre – ricorda Vaccaro – importanti lavori di restauro sono stati portati a termine: è stato completamente rifatto il piano seminterrato, recuperando una superficie di circa 200mq che è stata adibita ad archivio; è stato costruito un ingresso al Consolato per i disabili; è stata interamente rifatta la sala d’attesa; sono stati interamente rifatti gli impianti elettrici, informatici e di riscaldamento; rifatti completamente gli impianti di posta pneumatica, di controllo degli accessi e l’impianto cosiddetto “taglia code”; sono stati costruiti dei nuovi servizi igienici, uno dei quali specifico per i disabili; sono stati restaurate e rifatte le pareti e i pavimenti di numerosi uffici”.

“Il risultati – commenta – sono visibili da pochi giorni: sale di lavoro moderne e luminose, migliore accoglienza del pubblico, aumento del valore dell’edificio (che – ricordiamo – è di proprietà dello Stato italiano). Il flusso di connazionali per il momento è stabile, e non si sono registrate code o eccessivi ritardi nei servizi”

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento