Data odierna 22-07-2018

Nei giorni scorsi l’Ambasciata d’Italia a Bruxelles ha diramato un avviso di sicurezza: “Il Belgio, anche in quanto sede delle Istituzioni europee, presenta crescenti rischi di esposizione...

Avviso di sicurezza diramato dall’Ambasciata d’Italia a Bruxelles

Nei giorni scorsi l’Ambasciata d’Italia a Bruxelles ha diramato un avviso di sicurezza:

“Il Belgio, anche in quanto sede delle Istituzioni europee, presenta crescenti rischi di esposizione al terrorismo internazionale. Gli attacchi a Bruxelles del 24 maggio 2014 (museo ebraico), del 22 marzo 2016 (aeroporto Zaventem e metropolitana), a Charleroi del 6 agosto 2016 (commissariato di Polizia), il collegamento di individui operanti in territorio belga agli attacchi in Francia del gennaio e del novembre 2015 e il significativo rilievo numerico dei “foreign fighters” di origine belga, hanno indotto le autorità locali a svolgere più capillari attività di prevenzione e sorveglianza, soprattutto rispetto al traffico di armi, auto rubate, falsificazione documenti.

Anche a seguito del tentato attacco terroristico alla stazione centrale di Bruxelles del 20 giugno 2017, e dell’assalto a colpi di coltello contro tre militari di pattuglia nella Capitale il 25 agosto, le Autorità belghe hanno mantenuto a 3 (su una scala da 1 a 4) il livello di allerta antiterrorismo nel Paese. Il livello 3 indica che la minaccia viene valutata come “possibile e verosimile”, ma non “imminente”.
Nella capitale Bruxelles e in altre località del Paese si verificano frequentemente operazioni anti-terrorismo della polizia (perquisizioni, arresti, blocchi della circolazione) e allerte per sospetti pacchi-bomba (soprattutto, ma non solo, in centri commerciali, stazioni metro e ferroviarie, aeroporti).

Si invitano quindi i connazionali ad esercitare particolare vigilanza e cautela nei luoghi pubblici e ad alta concentrazione di persone (tra cui, in particolare, musei, centri commerciali, principali vie dello shopping, istituzioni culturali e accademiche ad alta frequentazione) e nella partecipazione ad eventi pubblici. Si consiglia di elevare la soglia di attenzione anche nell’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici, soprattutto urbani, evitando le stazioni e le linee maggiormente affollate e tenendosi sempre pronti con percorsi alternativi.
Si consiglia di tenersi aggiornati sulla situazione di sicurezza attraverso i media locali e i sitiwww.viaggiaresicuri.it ; www.ambbruxelles.esteri.it, @ItalyinBelgium e di seguire scrupolosamente le indicazioni delle autorità belghe.

Avvertenze: sono frequenti gli episodi di micro-criminalità (scippi, piccoli furti con uso di violenza e minacce) nelle principali agglomerazioni urbane. In particolar modo si consiglia di prestare attenzione in alcune zone centrali di Anversa, Bruxelles, Charleroi e Liegi a causa di furti e scippi. Si consiglia di adottare la necessaria prudenza, soprattutto nelle ore serali, nelle zone poco frequentate delle principali città ed in particolare nelle immediate vicinanze delle stazioni ferroviarie.

Si consiglia di registrare i dati del viaggio che si intende effettuare nel Paese sul sito: DoveSiamoNelMondo.

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga (leggere o pesanti): a seconda della gravità dell’illecito le pene previste possono variare da un minimo di tre mesi di reclusione (e/o circa 1.000,00 Euro d’ammenda) ad un massimo di venti anni di reclusione (e/o circa 100,00 Euro d’ammenda).

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: le pene previste variano da cinque fino a dieci anni di reclusione (reato di violenza sessuale), fino ai lavori forzati perpetui nei casi più gravi (abusi sessuali perpetrati nei confronti di minori di dieci anni).
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in base alle leggi in vigore in Italia.

In caso di problemi con le Autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare, non appena possibile, l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.”

 

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento