Data odierna 21-11-2017

La decisione della compagnia aerea Ryanair di cancellare 4 delle 5 ski routes verso il Piemonte sarà rivista. Questo l’esito di un incontro svoltosi nei giorni scorsi tra gli assessori regionali,...

La decisione della compagnia aerea Ryanair di cancellare 4 delle 5 ski routes verso il Piemonte sarà rivista. Questo l’esito di un incontro svoltosi nei giorni scorsi tra gli assessori regionali, Alberto Cirio al Turismo e Barbara Bonino ai Trasporti, con Tom Shearer, rappresentante della compagnia irlandese.
In particolare è stato confermato il volo per Dublino, tutti i sabati per i quattro mesi invernali, mentre è attesa la conferma per recuperare le tre destinazioni UK (Bristol, Glasgow e East Midlands) nel mese di febbraio, in concomitanza con la chiusura scolastica per le settimane bianche britanniche.
Ad aprile, poi, partirà la nuova destinazione internazionale parte dell’accordo di co-marketing tra Regione Piemonte, SAGAT Aeroporto di Torino e Ryanair: sul tavolo della trattativa Valencia o Parigi.
Al tavolo con il rappresentante di Ryanair sono state anche esaminate le proposte elaborate dagli amministratori dell’alta valle di Susa, in particolare il mantenimento su Caselle delle rotte per Dublino e il potenziamento di quelle alla volta di Londra, che negli anni hanno avuto un buon successo, nonché le criticità segnalate dagli amministratori e dagli operatori delle montagne cuneesi, servite dall’aeroporto di Levaldigi e collegate a Londra-Stanstedd da Ryanair.
“Siamo abbastanza soddisfatti”, dichiarano Alberto Cirio, assessore al Turismo, e Barbara Bonino, assessore ai Trasporti della Regione. “Siamo in attesa della conferma da parte dei vertici della compagnia irlandese, ma dovrebbero essere mantenute le tre ski-routes nel mese di febbraio, il più adatto in Gran Bretagna a muovere flussi invernali, oltre a quella per Dublino che sarà attiva tutta la stagione. Per quanto riguarda, invece, la cancellazione di Stoccolma, ci impegniamo a riproporla in futuro nell’ottica del più ampio incoming turistico regionale dalla Scandinavia, un target che dalle azioni promozionali che stiamo svolgendo mostra segnali interessanti. La scelta di Ryanair di ridurre le ski routes europee, comprese quelle piemontesi, avrebbe potuto danneggiare il turismo della nostra regione e, di conseguenza, anche il rapporto di reciproca collaborazione. Ma l’incidenza di questi voli è tra il 10% e il 15% dei nostri arrivi invernali e la riduzione delle rotte sarà compensata attraverso i charter della neve, che continuano a essere venduti bene e rappresentano, già oggi, il mezzo principale scelto dai turisti”.
Oltre alle ski routes si è affrontato il tema dell’andamento del co-marketing, avviato quasi un anno fa.
“Alla luce dei buoni risultati ottenuti, sia noi che Ryanair intendiamo proseguire questa sinergia nel segno, però, di un dialogo costante e costruttivo. Ad aprile partirà la quarta destinazione dell’accordo, la seconda internazionale dopo Madrid – concludono Cirio e Bonino – e stiamo spingendo affinché sia Parigi, meta che per noi avrebbe un appeal certamente maggiore rispetto a Valencia, la prima proposta di Ryanair, oltre a rappresentare una seria alternativa alle offerte già esistenti”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento