Data odierna 22-10-2017

“La minoranza del Comune di San Fele non solo non ha dato il proprio assenso ma, addirittura, ha disertato in blocco il Consiglio comunale, lasciando alla sola maggioranza, il Pd, il compito di assumersi...

Guarda le immagini Ticchio (Lucani in Svizzera): Voto monco a San Fele

Ticchio (Lucani in Svizzera): Voto monco a San Fele

“La minoranza del Comune di San Fele non solo non ha dato il proprio assenso ma, addirittura, ha disertato in blocco il Consiglio comunale, lasciando alla sola maggioranza, il Pd, il compito di assumersi la responsabilità della decisione in materia di Imu”. È quanto sostiene il presidente della Federazione dei Lucani in Svizzera, Giuseppe Ticchio, sottolineando che “boicottare il Consiglio comunale è stato un atto irresponsabile perché non si è svolto a pieno il mandato ricevuto dai cittadini”.

In questa nota, Ticchio lamenta l’assenza della minoranza del Consiglio comunale di San Fele (Potenza) al voto per l’approvazione della delibera in materia di Imu che ha stabilito che l’abitazione dei residenti all’estero dei cittadini del proprio comune è riconosciuta come prima casa purché non locata.

“In qualità di lucani all’estero – afferma Ticchio – reputiamo questo atteggiamento un’avversione nei nostri confronti. In democrazia ogni decisione presa è legittima; però, quando si tratta di legiferare in materia di emigrazione, ognuno, maggioranza e minoranza, deve assicurare un dibattito sereno e schietto contribuendo al miglioramento dei provvedimenti”.

“Come Comitato pro San Fele in Svizzera – conclude Ticchio – ringraziamo il Consiglio comunale e i consiglieri presenti nella riunione di sabato 30 giugno 2012 per la volontà e la determinazione mostrata nella decisione assunta nei confronti dei propri concittadini residenti all’estero”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento