Data odierna 22-09-2017

Strepitoso successo dell’Italia referendaria. Un risultato che va oltre le più rosee aspettative in quanto afferma una tendenza ed indica un manifesto desiderio di cambiamento della compagine di governo....

Strepitoso successo dell’Italia referendaria. Un risultato che va oltre le più rosee aspettative in quanto afferma una tendenza ed indica un manifesto desiderio di cambiamento della compagine di governo. Si avviino i passaggi necessari per permettere agli elettori di esprimersi sul futuro governo dell’Italia. Sono tre anni che il Parlamento italiano  è inchiodato a discutere ed approvare, con l’ausilio del voto di fiducia, leggi che interessano direttamente il presidente del consiglio. Le leggi che sono state abrogate con i referendum fanno parte del programma con il quale l’attuale maggioranza ha vinto le ultime elezioni legislative. Quella maggioranza oggi non esiste più. Dopo sedici anni i referendum riescono a raggiungere il quorum e i cittadini ritornano protagonisti delle proprie scelte.

Il Partito democratico in Svizzera ringrazia le elettrici e gli elettori, i Com.It.Es.  i funzionari consolari, i numerosi Comitati referendari impegnati a sostegno dei SI, le diverse Associazioni ed i Movimenti,  i militanti ed i dirigenti assieme ai Circoli ed i parlamentari del PD residenti in Svizzera,  che si sono prodigati con grande impegno civico e democratico in una diffusa opera d’informazione, che come in Italia non è stata sufficientemente garantita dal servizio pubblico.

Ancora una volta all’estero, purtroppo, sono emerse le solite difficoltà e i limiti della macchina organizzatrice elettorale, che dovrebbe permettere indistintamente a tutti cittadini italiani di esercitare il voto per corrispondenza, come disposto nell’articolo 48 della costituzione italiana. Perciò, il partito democratico in Svizzera sollecita il governo ed il parlamento ad assumere con urgenza  l’iniziativa legislativa per promuovere  provvedimenti, modalità e regole per garantire una regolare gestione e amministrazione del voto degli italiani residenti nella circoscrizione estero. Ciò detto, nonostante le disfunzioni e seppur con una percentuale significativa, anche gli italiani all’estero sono risultati protagonisti della nuova stagione democratica italiana.

Dal punto di vista politico, invece, stiamo vivendo l’epilogo della fine di un’epoca. La Seconda Repubblica ed il berlusconismo sono giunti al capolinea, si apra una nuova parentesi per permettere all’Italia e agli italiani di dar vita alla rinascita del nostro Paese. Le ragioni che ci hanno visti protagonisti in questa campagna referendaria a sostegno dell’abrogazione dei 4 referendum nascono dal nostro impegno nel futuro dell’Italia e nelle nuove generazioni, nell’innovazione legata ai valori di solidarietà, riflettono una visione umanistica, capace di tenere assieme il concetto di democrazia con quello di uguaglianza.  In Svizzera lavoreremo affinché le indicazioni referendarie degli italiani nella Penisola e all’estero diventino riferimenti di un futuro impegno di governo.

Michele Schiavone, Anna Ruedeberg

Segretario e presidente del PD in Svizzera

Oppure condividila!

Notizie simili

Lascia un commento

Invia il commento