Data odierna 18-11-2017

La strategia comune mira a promuovere gli scambi e la mobilità dal punto di vista sia quantitativo sia qualitativo, affinché questi diventino parte integrante delle carriere formative e professionali...

Scambi e mobilità: Confederazione Elvetica e i Cantoni adottano strategia comune per promuovere scambi e mobilità

La strategia comune mira a promuovere gli scambi e la mobilità dal punto di vista sia quantitativo sia qualitativo, affinché questi diventino parte integrante delle carriere formative e professionali e delle attività extrascolastiche.

La Confederazione e i Cantoni auspicano che i giovani – nel corso della loro formazione o a cavallo tra quest’ultima e la vita lavorativa – partecipino più spesso ad attività di scambio e mobilità. In questo modo possono migliorare le loro competenze linguistiche, sociali e specialistiche e, con esse, le loro prospettive sul mercato del lavoro. Prendendo parte ad attività di questo tipo, inoltre, i giovani vengono a contatto con la pluralità linguistica e culturale della Svizzera e di altri Paesi.

A livello sociale gli scambi e la mobilità promuovono in modo significativo la comprensione di culture e comunità linguistiche diverse. Possono inoltre contribuire a migliorare e sviluppare lo spazio formativo svizzero, a salvaguardare la competitività e capacità innovativa della Svizzera e a integrare il nostro Paese nel contesto europeo e internazionale. Sono questi i motivi per cui la Confederazione e i Cantoni intendono promuovere gli scambi e la mobilità su tutti i livelli formativi, ma anche in ambito extrascolastico e professionale, e questo sia in Svizzera che all’estero, attraverso i programmi di formazione europei.

La strategia, sviluppata congiuntamente da Confederazione e Cantoni, è in linea con gli obiettivi sovraordinati delle politiche federali e cantonali in materia di formazione, cultura e gioventù. In ottobre 2017 è stata approvata dai capi del Dipartimento federale dell’interno (DFI) e del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) nonché dalla Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE).

La strategia punta a valorizzare e promuovere gli scambi e la mobilità e, in questo modo, ad aumentare il tasso di partecipazione alle relative attività. Si tratterà quindi di ampliare e sviluppare le offerte esistenti garantendo nel contempo un accesso facilitato a informazioni e rispettive attività. La strategia, infine, crea le premesse affinché nel campo degli scambi e della mobilità la Confederazione, i Cantoni e gli altri attori interessati possano collaborare e coordinarsi in modo efficiente.

L’approccio adottato da Confederazione e Cantoni è impostato sul lungo periodo e prevede un’attuazione graduale delle misure previste. A livello operativo la responsabilità spetta principalmente all’agenzia Movetia, fondata da Confederazione e Cantoni per promuovere gli scambi e la mobilità.


Indirizzo cui rivolgere domande

Josef Widmer, vicedirettore della SEFRI, tel. +41 58 463 04 59
Isabelle Chassot, direttrice UFC, tel. +41 58 462 79 85
Ludwig Gärtner, vicedirettore UFAS, tel. +41 58 462 90 76
Susanne Hardmeier, segretaria generale CDPE, tel. +41 31 309 51 19

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento