Data odierna 12-12-2017

Abbiamo più volte segnalato, con atti di sindacato ispettivo, al governo e in particolare al Ministro della Sanità, la condizione ormai insostenibili della sanità in  Calabria.  In seguito alle scelte...

Sanità in Calabria. L’on Laratta presenta al ministro Balduzzi l’esposto-denuncia alla Procura di Rossan

Abbiamo più volte segnalato, con atti di sindacato ispettivo, al governo e in particolare al Ministro della Sanità, la condizione ormai insostenibili della sanità in  Calabria. 

In seguito alle scelte operate dal Commissario Scopelliti con il Piano di Rientro dal deficit, la rete ospedaliera è stata di fatto smantellata. La chiusura, o il ridimensionamento drastico, di 17 piccoli ospedali, senza una riqualificazione adeguata e indispensabile degli ospedali rimasti operativi, ha provocato un vero e proprio caos. I pronto soccorso degli ospedali operano in condizioni assurde, tanto che risulta essere sempre più a rischio la sicurezza dei pazienti costretti a farvi ricorso. 

Ma in preda a confusione e caos è la grandissima parte dei Reparti ospedalieri, in condizione di abbandono e  privati del personale necessario, del tutto insufficienti a far fronte alle necessità dei pazienti. Gli ospedali appaiono così, quotidianamente, in preda alla confusione, nel generale smarrimento dei medici e del personale, che sono le ‘altre vittime’ del caos-sanità in Calabria.

Nel corso degli ultimi mesi, per come già segnalato con altre precedenti interrogazioni, con il consigliere regionale calabrese Carlo Guccione, ho avuto modo di far visita agli ospedali di Cosenza, Rossano, Corigliano, Paola, Cetraro, Castrovillari, Praia, Trebisacce, Cariati, Vibo Valentia,  Rogliano, San Marco Argentano, Lungro, Acri, San Giovanni in Fiore, verificando una condizione ormai del tutto insostenibile.

Particolarmente grave è risultata, nel corso dell’estate appena terminata, la condizione degli ospedali delle zone turistiche del cosentino (in particolar modo quelli di Paola, Cetraro, Rossano e Corigliano) dove i pronto soccorso (ormai privati di tutto)  sono stati letteralmente presi d’assalto.

 

E proprio la condizione di uno di questi ospedali, quello di Rossano (per la verità  molto simile a quella di altri), risulta così grave che, dopo il lungo silenzio del Commissario Scopelliti, è stato necessario presentare un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Rossano, affinché verifichi se si siano consumati reati ai danni dei cittadini, fino a mettere in forse il costituzionale diritto alla salute e in dubbio i livelli essenziali di assistenza e cura.

 

 

Tutto ciò premesso

Si intende sapere

 

  • se il governo sia a conoscenza delle condizioni della sanità calabrese;
  • cosa intenda fare affinché sia garantito il diritto alla salute e i livelli minimi di assistenza;
  • come intenda operare in merito a quanto descritto nell’esposto-denuncia relativo alle gravi condizioni dell’ospedale di Rossano (Cs);
  • se non intenda verificare nel dettaglio le condizioni in cui sono stati costretti a funzionare gli ospedali calabresi, in particolare quelli di Rossano, Corigliano, Rossano, Paola , Castrovillari e Cetraro;
  • se  sia a conoscenza del rischio che corrono le popolazioni delle aree interne calabresi ( in particolare quelli di San Giovanni in Fiore e Acri in provincia di Cosenza) dove operano in condizioni del tutto insufficienti i sedicenti “ ospedali di montagna” ,  ridotti in realtà a veri e propri ambulatori;
  • se sia a conoscenza del funzionamento delle cosiddette ‘Case della salute’ che avrebbero dovuto prendere il posto dei piccoli ospedali soppressi, e che ancora non sono state messe nelle condizioni di dare risposte ai pazienti, che ormai vagano nel vuoto di una regione che non sa più garantire le cure ai propri cittadini.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento