Data odierna 21-09-2017

Si è avuto alle ore 18.00 ora italiana il secondo incontro di Tribuna elettorale per il centro e nord America. Ho riscontrato un certo limite nel taglio “estero” della conduzione delle tribune elettorali,...

Salvatore Ferrigno candidato alla camera dei Deputati con “Insieme per gli italiani”

Si è avuto alle ore 18.00 ora italiana il secondo incontro di Tribuna elettorale per il centro e nord America. Ho riscontrato un certo limite nel taglio “estero” della conduzione delle tribune elettorali, ha dichiarato Salvatore Ferrigno in una nota. Si è insistito troppo sull’IMU, cunei fiscali sino a domande sui matrimoni gay ignorando, ha continuato, che le nostre comunità sono attente a sentire qualcosa di “estero” piuttosto che le solite cose italiane che sente ogni giorno ai telegiornali nazionali. Ai miei connazionali in centro e nord merica interessa soprattutto il riacquisto delle cittadinanza italiana, mi sembra di averlo sottolineato con la giusta veemenza. La doglianza è giustificata soprattutto tenendo conto di essere stato penalizzato nel tempo perché interrotto a più riprese dall’emozionato  candidato della lista Monti poco a suo agio davanti alle telecamere ed anche da quello del PDL,  per porvi rimedio, Salvatore Ferrigno ha dovuto usare tutta la sua bravura per riuscire a dire quanto teneva a sottolineare alla propria comunità all’estero. Dopo aver esordito nella presentazione degli altri candidati di “INSIEME per gli italiani”, noi ha detto, non abbiamo le mani legate da vincoli di partito come le avete invece voi, non avremo nessuno che ci caccerà tacciandoci di non fare l’interesse del partito come fecero con me nella legislatura 2008 perché dissidente con la linea riluttante ed avversa agli italiani miei connazionali.   Noi, ha precisato, siamo l’unico movimento libero ed indipendente che conta nelle proprie file gente la cui vita è specchiata e libera da qualsiasi macchia, siamo l’unico movimento che vuole presentare una legge sulla responsabilità oggettiva civile dei partiti per le malefatte dei suoi parlamentari e dirigenti pubblici che scappano con la cassa.  Solo per questo, agli elettori residenti all’estero, dovrebbe scattare la voglia di cambiamento per metterci alla prova dei fatti, si auspica Ferrigno. In una fase stringente del dibattito, Salvatore Ferrigno ha mostrato i programmi del PD e del PDL mostrandoli alle telecamere e rivolgendosi direttamente al candidato PDL particolarmente imbarazzato ha detto: Non una sola parola è prevista nel tuo programma per gli italiani all’estero così come neanche una sola parola è prevista in quello del PD, neanche una che fosse una e visto che dici che non è vero, ti invito a leggermi, col programma tuo alla mano, dove parlate degli italiani all’estero, te lo dico io, in nessun punto di queste quattro paginette, ha chiosato.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento