Data odierna 22-10-2017

“Caro Ferretti, il riferimento ai tacchini di partito, nella discussione che ha fatto seguito alla approvazione del decreto di rinvio di Comites e Cgie, mi era sfuggito. Segnalatomi il pezzo, un...

Rinvio COMITES / Fedi replica a Ferretti: Non tacchini di partito nè eroi ma persone che fanno il loro lavoro

“Caro Ferretti, il riferimento ai tacchini di partito, nella discussione che ha fatto seguito alla approvazione del decreto di rinvio di Comites e Cgie, mi era sfuggito. Segnalatomi il pezzo, un amico, evidentemente lettore de L’Italiano, mi ha chiesto ragione dei fatti. Provvedo ad inviarvi la mia, personalissima, lettura dei fatti”.

Si apre così la lettera che l’on. Marco Fedi, deputato del Pd eletto in Australia, ha indirizzato oggi al direttore de L’Italiano Gian Luigi Ferretti, in risposta all’articolo che lo stesso Ferretti aveva pubblicato sul suo giornale il 13 luglio scorso.

Nell’editoriale, facendo riferimento al voto di Fedi e colleghi a favore del rinvio delle elezioni per il rinnovo dei Comites, Ferretti sosteneva fra l’altro che “le catene della disciplina di partito sono psicologiche ancor prima che fisiche” e si domandava: “a che servono bei discorsi, a che servono ordini del giorno, che non impegnano più di tanto, se al momento di marcare con il voto – massima espressione della volontà di un parlamentare – gli eletti all’estero si comportano come tacchini che auspicano due natali all’anno? Se gli eletti all’estero dimostrano di stare con le mani sulla cintura, sempre pronti a calare le braghe, come potranno pretendere i connazionali all’estero di essere presi in considerazione dalla politica italiana?”.

Ebbene oggi Fedi replica. “Premesso che sul tema ho espresso ampiamente le mie opinioni, proprio in una lunga intervista pubblicata da L’Italiano e quindi non torno sulle ragioni del sì convinto ad un doveroso rinvio legato a ragioni di ordine economico, contingenti, e valutate in sede di Commissione Esteri ed in aula. Torno, invece, sulla questione del nostro atteggiamento nei lavori parlamentari, di commissione e d’aula”.

E spiega. “Credo che il dovere di un parlamentare sia impegnarsi in ciò in cui crede, farlo da parlamentare, quindi cercando di modificare i provvedimenti ed intervenendo in Commissione ed in aula per dire ciò che pensa ed assumersi responsabilità politiche conseguenti. Alcuni di noi l’hanno fatto con coerenza, presentando emendamenti, motivando le nostre obiezioni alla scelta del Governo di inserire nel decreto di rinvio anche aspetti di riforma, o almeno aspetti che condizioneranno la riforma. Altri gruppi hanno scelto di non presentare emendamenti, di non motivare le loro ragioni intervenendo in aula ma di chiedere semplicemente il voto, o peggio come ha fatto l’On. Picchi, la commistione tra elezione Comites e voto politico. Ve lo immaginate se avessimo approvato un emendamento che obbligava il Governo a mettere insieme in un “election day” all’estero rinnovo Comites e voto politico? Immaginate il lavoro per raccordare due elezioni svolte con regole diverse che di analogo hanno solo l’uso della corrispondenza? Immaginate il caos politico che una tale approvazione avrebbe comportato in un momento delicatissimo in cui dovremmo invece riordinare i meccanismi del voto politico per renderli più sicuri? Naturalmente è facile fare una proposta demagogica e cavalcarla, senza conseguenze”.

“Analogo discorso per la richiesta del voto”, prosegue Marco Fedi. “Coloro i quali erano davvero convinti che l’unica direzione possibile fosse procedere con il voto, avrebbero dovuto, in Parlamento, proporre emendamenti per recuperare, attraverso tagli ad altri settori, i tredici o quattordici milioni di euro mancanti. Perché non è stato fatto? Alcuni di noi hanno cercato una soluzione. La cercano ancora oggi con la spending review. Non è facile e non sarà facile ottenere una radicale inversione di tendenze”.

“Capisco che in politica, come in altre sfere della vita civile, oggi si senta il bisogno di avere degli eroi. E gli eroi, nella politica, sarebbero una vera autentica novità. Ma”, mi creda, direttore”, riflette Fedi, “prima degli eroi avremmo bisogno, molto più semplicemente e modestamente, di persone che facciano bene il proprio lavoro. Quando questa prima parte è assolta, si è fatto il proprio dovere, il passo successivo è verificare quale coerente atteggiamento assumere. Io trarrò le conseguenze – a tempo debito – rispetto al ruolo dei parlamentari eletti all’estero e alle scelte del nostro Paese, ma mi lasci dire che fino a quel momento l’attività parlamentare per la quale sono stato eletto, che è cosa diversa dal perpetuare la stridente demagogia di questi giorni, è l’unica consolazione alternativa all’eroismo e forse l’unico atto di vero impegno che rimane a futura memoria. Oltre alle nostre idee”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento