Data odierna 24-04-2017

“È un sogno essere qui, al 10 di Downing Street”. Così il premier Matteo Renzi ha aperto la conferenza stampa congiunta con il primo ministro David Cameron, a Londra. Accolto dall’Ambasciatore...

Renzi – L’incontro con Cameron

“È un sogno essere qui, al 10 di Downing Street”. Così il premier Matteo Renzi ha aperto la conferenza stampa congiunta con il primo ministro David Cameron, a Londra. Accolto dall’Ambasciatore italiano Pasquale Terracciano, il Premier si è recato a Downing Street, prima tappa della giornata che lo ha visto impegnato prima con il Segretario del Partito Laburista, Ed Miliband, e – in queste ore – con il sindaco Boris Johnson.

“Bisogna costruire un’Europa diversa lottando contro chi ha paura di cambiare. L’Europa deve recuperare la dimensione del “sogno” e smettere di essere il luogo della “burocrazia assoluta”, ha proseguito il premier italiano, secondo cui, dunque, “la prima sfida da affrontare è sulla visione di Europa che avrà la prossima generazione e discutere sull’Europa come luogo di libertà, per questo occorre investire in una diversa idea di crescita a livello istituzionale e per questo l’alleanza con David è cruciale”.
Renzi ha commentato con Cameron i dati sulla disoccupazione in Italia – il 13% “sconvolgente”, aveva detto al suo arrivo a Londra – in relazione alle riforme messe in cantiere dal suo governo: “in questi tre anni abbiamo perso troppa strada è arrivato il momento di rimettersi a correre con performance economiche che sono valide e possibili e con una collaborazione con i nostri partner europei basati sulla crescita e non sulla burocrazia”.
Quanto alle riforme, Renzi ha ribadito l’importanza di proseguire nel percorso indicato all’inizio dal suo Governo, ribadendo che “l’Italia deve fare la propria parte per poter lavorare ad una Europa diversa” e che quindi “è importante presentare un processo di riforme per il nostro Paese che sia condizione per l’Italia per affrontare insieme le riforme di cui l’Europa ha bisogno. Vogliamo un’Europa migliore, non più Europa. Per questo – ha aggiunto Renzi – è importante in Italia cambiare la Costituzione, l’assetto istituzionale, la legge elettorale. Possiamo cambiare solo se siamo noi prima a cambiare, questa è la sfida”.
Infine, sugli investimenti esteri in Italia, Renzi ha riferito che “nelle ultime settimane molti investitori stanno scommettendo sul futuro dell’Italia. La considero una cosa positiva, c’è un grande interesse verso l’Italia. L’Italia ha un percorso di stabilità davanti, da qui al 2018 – ha proseguito – si è capito che l’Italia non è un problema per l’Europa, e il percorso di riforme indica che l’Italia vuole investire sul futuro, non solo pagare i debiti del passato”.
Quanto a Cameron, il Premier britannico ha commentato: “sostengo l’impegno di Matteo per le sue misure ambiziose” su ripresa e lavoro. “Sono ansioso di collaborare con Matteo in questo futuro”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento