Data odierna 11-12-2017

Deputato eletto in Europa, Antonio Razzi (Ir), polemizza con un articolo apparso oggi sul Corriere della Sera, definito “un esempio di disinformazione e formidabile negligenza giornalistica ai...

Deputato eletto in Europa, Antonio Razzi (Ir), polemizza con un articolo apparso oggi sul Corriere della Sera, definito “un esempio di disinformazione e formidabile negligenza giornalistica ai miei danni”.

“L’articolo in questione – scrive Razzi – fa riferimento al progetto di legge sulla abolizione dell’ICI sulla prima casa di proprietà di italiani residenti all’estero. La proposta di legge segue un mio ordine del giorno della primavera del 2008 già approvato dal governo”.

“La disinformazione che ha mostrato l’articolista del Corriere della Sera è eclatante – ha detto Razzi – ed è indicativo di due caratteristiche peculiari che lo contraddistinguono: la prima è la disinformazione di cui egli si fa espressione, la seconda è la formidabile negligenza  esibita con una disinvoltura da irresponsabili. Mi rivolgo al Direttore della testata il quale ha il dovere di sorvegliare l’operato dei suoi redattori e controllarne i contenuti. La proposta di legge presentata per l’abolizione dell’ICI sulla prima casa di proprietà degli italiani all’estero è una cosa sacrosanta sempre quando questi risultino iscritti all’AIRE e non percepiscano redditi da locazione”.

“In altri termini affinché lo stesso articolista capisca: quella casa deve avere due caratteristiche: essere la prima ed essere sfitta. La fandonia inutile – continua -  se non per insinuare il sospetto infondato nel lettore di un interesse privato che mi avesse spinto a promuovere questa iniziativa legislativa, non solo è di cattivo gusto ma pesa enormemente sulla credibilità della stessa testata”.

“Per quanto mi riguarda, e questo ad onor del vero, – conclude il deputato – non potrei mai godere di una agevolazione di questo tipo perché la casa di Pescara che ho comprato con i miei soldi e continuo a  pagare con il mutuo da me contratto in banca, è la seconda casa di mia proprietà in quanto la prima casa è quella ricevuta in eredità dai miei genitori”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..