Data odierna 23-09-2017

L’orgoglio di essere siciliano non conosce confini. Sono tanti i siciliani emigrati, sparsi nel mondo che riescono a far conoscere ed apprezzare la Sicilia. Gente che seppur costretta ad abbandonare...

L’orgoglio di essere siciliano non conosce confini. Sono tanti i siciliani emigrati, sparsi nel mondo che riescono a far conoscere ed apprezzare la Sicilia. Gente che seppur costretta ad abbandonare la propria terra natia per maggiori opportunità occupazionali ha sempre portato nel cuore la Sicilia ed è fiera delle proprie radici. Il coordinamento nazionale dei Circoli “Sicilia in Europa” lo scorso 12 agosto ha promosso la prima edizione del premio “Orgoglio siciliano” proprio per riconoscere il valore di quattro brillanti figli dell’isola. Personaggi che si sono contraddistinti nel settore imprenditoriale, culturale e militare.
Il coordinatore Nazionale dei circoli, Arturo Testa, ha premiato il poeta e scrittore Tommaso Romano esperto in storia dell’emigrazione e vicepresidente della fondazione Ignazio Buttitta, originario di Palermo; il Generale Luciano Portolano, addetto militare all’Ambasciata italiana a Londra, originario di Agrigento. Gli altri due premi sono andati a Calogero Mancuso, imprenditore nel settore gelateria, originario di Grotte e residente a Liverpool, ed a Giuliano Osvaldo Salemi Gulliotta, musicista nato a Santa Fe, in Argentina e originario di Rosolini.
La serata di gala presso l’anfiteatro del Parco Urbano, è stata aperta dal coordinatore che ha presentato i libri dei due scrittori riesini Piera Cutaia e Giuseppe Stagnitto. L’autrice di “Chiustu Riesi” si è dilettata nel declamare alcune delle strofe dei suoi versi in dialetto. Giuseppe Stagnitto ha invece parlato del suo libro “Il Papa che cambiò le sorti del mondo”.
La serata è proseguita con una sfilata di moda a cura del giovane stilista riesino Pietro Rampanti che ha presentato le sue creazioni. Non sono mancati momenti culturali dedicati al tema dell’emigrazione e musicali a cura del cantautore Baldo Brandi che e del gruppo “Desaparecido” che hanno allietato il numeroso pubblico intervenuto all’evento. La manifestazione promossa e finanziata dal Sie diventerà un appuntamento annuale.
“L’associazione – dice il fondatore e Presidente di Sicilia in Europa, Vincenzo Nicosia – è nata per creare un legame tra gli emigrati e la terra natia. Cerchiamo anche di fare da ponte tra l’industria siciliana e l’estero per esportare e importare il Made in Sicily nell’intento di favorire lo sviluppo economico dell’isola. Seguiamo gli emigrati in tutte le fasi della loro vita. Da quando decidono di stabilirsi in centri dell’Europa a quando pensano di ritornare in Sicilia”.
Il Premio “Orgoglio Siciliano” sarà una manifestazione itinerante che toccherà di anno in anno tutte le province Siciliane.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento