Data odierna 23-09-2017

Il 2013 sarà – per tutti gli amanti della cultura, della storia, della lingua e del gusto – l’occasione per celebrare uno dei maggiori poeti e personaggi italiani, Gabriele d’Annunzio,...

Nel 2013 in Italia e all’estero le celebrazioni del 150° di Gabriele D’Annunzio

Il 2013 sarà – per tutti gli amanti della cultura, della storia, della lingua e del gusto – l’occasione per celebrare uno dei maggiori poeti e personaggi italiani, Gabriele d’Annunzio, del quale si festeggeranno i 150 anni dalla nascita, avvenuta a Pescara nel 1863, e i 75 dalla morte.

Protagonista indiscusso della storia e della letteratura del XIX e del XX secolo, il Vate ha saputo fino a oggi mantenere vivo l’interesse su di sé, grazie alla sterminata e raffinatissima produzione letteraria e alla testimonianza che ha lasciato delle sue azioni eroiche e delle sue opere immortali attraverso la donazione agli Italiani del Monumento della sua vita inimitabile: la cittadella del Vittoriale, sul lago di Garda.

La Fondazione Il Vittoriale degli Italiani realizzerà, attraverso l’istituzione di un Comitato per le celebrazioni dannunziane, una serie di progetti per promuovere e valorizzare lo spirito fervente di un genio che, anche grazie alla sua lungimiranza, al respiro internazionale e all’amore per l’Italia, seppe imprimere un sigillo di modernità alla storia del nostro Paese.

Molti i grandi eventi in programma. La passione del Vate per i motori, il volo e la velocità sarà celebrata attraverso la preparazione al Vittoriale del Museo della “Automobile femmina”, espressione con la quale d’Annunzio stabilì – in una lettera a Giovanni Agnelli – il “sesso” dell’automobile; la dedica a d’Annunzio dell’edizione 2013 delle Mille Miglia, con personalizzazione del percorso in omaggio ai luoghi dannunziani; e, ancora, sorvoli di aerei storici e Frecce Tricolori sul Vittoriale e su Pescara, in omaggio alla sua passione per il volo, e l’istituzione di una tappa gardonese del Giro d’Italia, a ricordare d’Annunzio “uomo sportivo dell’anno”, come fu votato nel 1921 dai lettori della Gazzetta dello Sport.

Una produzione dannunziana porterà l’intensa vita del Vate su alcuni tra i palcoscenici più prestigiosi d’Italia, fra cui il Teatro Manzoni a Milano, il Festival dell’Anfiteatro del Vittoriale e il D’Annunzio Festival del capoluogo abruzzese. Dal Teatro alla Scala tornerà al Vittoriale, dopo un attento restauro, il pianoforte originale di Liszt per un grande concerto-evento.

Tra le iniziative culturali ed editoriali, Mondadori pubblicherà il Meridiano del Teatro di d’Annunzio, il saggio Casa d’Annunzio e realizzerà per la prima volta una collana di e-book dedicati all’opera del Vate. Verrà inoltre prodotto un audio book, in cui alcuni tra i maggiori attori della scena teatrale italiana presteranno voce a d’Annunzio e ad alcuni dei suoi versi più belli. La storica rivista L’Illustrazione Italiana al Poeta dedicherà un numero speciale nel mese di marzo, in cui ne ricorrono l’anniversario di nascita e morte.

Il presidente del Vittoriale Giordano Bruno Guerri terrà numerose conferenze multimediali in molte città italiane ed estere. Saranno inoltre patrocinate e promosse giornate di studio in Atenei italiani e stranieri, oltre a due importanti convegni per rafforzare il nuovo impulso allo studio, alla ricerca e all’approfondimento storico-culturale e artistico dell’opera di d’Annunzio, con particolare attenzione alle nuove generazioni.

Mostre stabili e itineranti verranno organizzate in una grande città italiana e nelle città che avranno aderito al progetto dei Gemellaggi dannunziani. La risonanza degli eventi diventerà mondiale con l’allestimento di una mostra all’Università di Tokyo e l’organizzazione di un’esposizione virtuale itinerante nelle principali sedi della cultura italiana nel mondo.

Nel migliore spirito dannunziano, l’obiettivo di ravvivare l’interesse intorno al Poeta-Eroe sarà perseguito anche attraverso una serie di azioni promozionali, per esempio la collaborazione con grandi firme che possano lanciare una linea dedicata al Vate, padre del gusto italiano; lo studio del merchandising, un annullo filatelico in collaborazione con Poste Italiane e operazioni di promozione locale nei luoghi dannunziani. Verrà inoltre rinsaldata la relazione di d’Annunzio con grandi marchi, con la cui storia si intrecciò l’eclettico spirito del Poeta (Pineider, Aurum, Parrozzo, Acqua Amerino, solo per citarne alcune), attraverso una serie di azioni, packaging e campagne di comunicazione.

Queste e altre iniziative si succederanno per l’intero corso dell’anno 2013 e, sostenute da una campagna pubblicitaria mirata e da un piano di comunicazione nazionale, contribuiranno a riportare la giusta attenzione sull’estro poliedrico e incontenibile di Gabriele d’Annunzio, al cui genio precursore dei tempi siamo debitori assai più di quanto spesso si creda. La sua modernità ce lo restituirà, a un secolo e mezzo dalla nascita, più che mai vivo e vicino alla nostra sensibilità di cittadini del XXI secolo.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento