Data odierna 22-09-2017

“Nella bozza di riforma istituzionale presentata dal ministro Roberto Calderoli che sarà esaminata nella prossima riunione del Consiglio dei ministri c’è una amara sorpresa per gli italiani...

“Nella bozza di riforma istituzionale presentata dal ministro Roberto Calderoli che sarà esaminata nella prossima riunione del Consiglio dei ministri c’è una amara sorpresa per gli italiani all’estero che la dice lunga sull’atteggiamento tenuto sino ad ora dal Governo Berlusconi nei confronti.

Infatti nella bozza di riforma costituzionale presentata dal Governo, a firma del ministro Roberto Calderoli si legge: “All’articolo 48 della Costituzione, il terzo comma è abrogato”: questo vuol dire che viene soppressa la Circoscrizione estera ed archiviata l’esperienza del voto estero”. È quanto denuncia oggi l’onorevole Franco Narducci (Pd), deputato eletto in Europa e vicepresidente della Commissione Esteri.

“Nella passata Legislatura – ricorda Narducci – abbiamo difeso con forza la Circoscrizione estero e mentre, anche in quella occasione, la Lega si batteva per l’abolizione di quella stessa Circoscrizione noi avevamo ottenuto, nella Proposta di legge Violante approvata alla Camera, di mantenere una presenza di 6 deputati ed una presenza significativa di rappresentanti dall’estero nell’allora proposto Senato delle Regioni. Ed è da quell’assunto che dobbiamo ripartire se non vogliamo disperdere un patrimonio che questo Parlamento non è riuscito ancora a valorizzare e non vogliamo rimettere indietro le lancette dell’orologio cancellando una conquista innovativa a cui guardano con interesse numerose altre nazioni”.

“Ci auguriamo – conclude il parlamentare – che i parlamentari eletti all’estero appartenenti alla maggioranza di Governo possano interloquire con il Governo stesso per rivedere le posizioni, in questo avranno il sostegno certo dell’opposizione”.

Oppure condividila!

Notizie simili

Lascia un commento

Invia il commento