Data odierna 20-09-2017

“Contrariamente a quanto aveva previsto il decreto “Salva Italia”, il termine ultimo per i comuni per approvare i regolamenti e le relative delibere su aliquote e detrazioni IMU scadrà...

Nardi: Prorogato al 31 ottobre il termine ai comunii per fissare le aliquote

“Contrariamente a quanto aveva previsto il decreto “Salva Italia”, il termine ultimo per i comuni per approvare i regolamenti e le relative delibere su aliquote e detrazioni IMU scadrà il prossimo 31 ottobre e non il 30 settembre, come ha precisato in parlamento il ministro Piero Giarda”. Così Dino Nardi, coordinatore UIM Europa, informa i connazionali all’estero delle novità in materia di Imu.

“Pertanto – precisa – per il pagamento del saldo di questa imposta, ovviamente anche gli emigrati italiani, si dovrà attendere fino a dopo il 31 ottobre, a meno che il comune competente non sia stato così diligente da aver già provveduto ad approvare regolamento e delibere”.

“In ogni caso – spiega Nardi – con le seconde case (sfitte o affittate che siano) il saldo dell’IMU sarà un vero e proprio salasso poiché, più o meno, tutti i comuni, che hanno già deliberato in merito alle aliquote, affamati di soldi come sono, hanno avuto la mano molto pesante e, con tutta probabilità l’avranno anche quei comuni che dovranno decidere sulle aliquote entro il 31 ottobre prossimo. Infatti l’aliquota base dello 0,76%, per le seconde case, è stata elevata in media intorno all’1%”.

“Pertanto – aggiunge poi – il salasso riguarderà pure le abitazioni possedute in Italia dagli iscritti all’AIRE visto che, al momento, sono pochissimi i comuni che le hanno riconosciute “abitazioni principali” ai fini dell’IMU come, peraltro, richiesto insistentemente dalla UIM e dalle rappresentanze degli italiani all’estero (Comites, Cgie e parlamentari eletti nella Circoscrizione Estero)”.

Per maggiori informazioni e per il pagamento del saldo dell’IMU (scadenza il 17 dicembre), Nardi invita gli interessati a rivolgersi “anche ad un circolo della UIM (www.uim.it), oppure ad una sede del patronato ITAL-UIL (www.ital-uil.it)”.

“Tramite questo link: http://www.finanze.it/dipartimentopolitichefiscali/fiscalitalocale/imu2012/sceltaregione.htm – conclude – si potrà verificare l’elenco delle aliquote IMU 2012, comune per comune, sempre che siano già state deliberate”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento