Data odierna 21-11-2017

ASSEGNATE ALLA COMMISSIONE LAVORO LE PROPOSTE DI LEGGE DEI DEPUTATI MOLTENI (LEGA) E VOLONTÈ (UDC) . Sono state assegnate alla Commissione Lavoro della Camera le proposte di legge, presentate dai deputati...

ASSEGNATE ALLA COMMISSIONE LAVORO LE PROPOSTE DI LEGGE DEI DEPUTATI MOLTENI (LEGA) E VOLONTÈ (UDC) . Sono state assegnate alla Commissione Lavoro della Camera le proposte di legge, presentate dai deputati Nicola Molteni (Lega Nord) e Luca Volontè (Udc), identiche anche fin dal titolo: “Modifiche alla legge 5 giugno 1997, n. 147, concernenti la durata dei trattamenti speciali di disoccupazione in favore dei lavoratori frontalieri italiani in Svizzera rimasti disoccupati a seguito della cessazione del rapporto di lavoro”. Entrambe inizieranno l’iter dalla sede referente per poi essere sottoposte ai pareri delle Commissioni Affari Costituzionali, Affari Esteri e Bilancio.
Obiettivo delle proposte di legge l’estensione del “periodo di indennizzo previsto per i lavoratori frontalieri italiani “divenuti disoccupati a seguito di cessazione del rapporto di lavoro” non a loro imputabile, che attualmente è di dodici mesi per tutti, fino a diciotto mesi per i lavoratori di etá compresa tra i cinquanta e i cinquantacinque anni e a ventiquattro mesi per quelli di cinquantasei anni di etá e oltre”. Di seguito il testo delle proposte di legge.
Art. 1.
1. Al comma 2 dell’articolo 1 della legge 5 giugno 1997, n. 147, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Tale gestione, istituita presso l’INPS, puó essere utilizzata esclusivamente al fine del pagamento dei trattamenti speciali di disoccupazione in favore dei lavoratori frontalieri italiani in Svizzera”.
Art. 2.
1. Al comma 1 dell’articolo 2 della legge 5 giugno 1997, n. 147, sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: “Ai fini del raggiungimento del diritto a percepire l’indennitá di disoccupazione speciale frontalieri, qualora nei due anni precedenti lo stato di disoccupazione siano presenti periodi di malattia o di infortunio, questi periodi devono essere considerati periodi neutri ai sensi della legge 23 luglio 1991, n. 223. I medesimi periodi, pur non potendo essere presi in considerazione ai fini del raggiungimento del requisito contributivo di almeno un anno di attivitá soggetta a contribuzione secondo il regime vigente di assicurazione contro la disoccupazione nei due anni precedenti, possono comunque determinare la retrodatazione del biennio nel quale verificare la presenza di un anno di contribuzione versata per l’assicurazione svizzera contro la disoccupazione”.
Art. 3.
1. Al comma 1 dell’articolo 3 della legge 5 giugno 1997, n. 147, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “La durata massima di cui al periodo precedente è elevata a diciotto mesi per i lavoratori di etá compresa tra i cinquanta e i cinquantacinque anni e a ventiquattro mesi per i lavoratori di cinquantasei anni di etá e oltre”.
Art. 4.
1. Il comma 4 dell’articolo 4 della legge 5 giugno 1997, n. 147, è sostituito dal seguente:
“4. Il lavoratore frontaliero cui è stato riconosciuto il diritto al trattamento speciale di disoccupazione di cui alla presente legge è inserito automaticamente nelle liste della mobilitá previste dalla legge 23 luglio 1991, n. 223. Il relativo onere è posto a carico della gestione di cui all’articolo 1, comma 2. La sede dell’INPS territorialmente competente relativamente al ricevimento e alla valutazione della domanda di disoccupazione comunica l’accettazione della domanda stessa all’interessato e al centro per l’impiego territorialmente competente rispetto alla residenza del lavoratore. Il centro per l’impiego provvede all’inserimento di tale nominativo all’interno delle liste della mobilitá previste dalla legge 23 luglio 1991, n. 223″”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento