Data odierna 23-09-2017

“Una manovra che si inquadra nella crisi dell’euro” dice Berlusconi illustrando la pesante manovra economica che il Governo sta per sottoporre al voto del Parlamento. “Meno male che fino a poco...

“Una manovra che si inquadra nella crisi dell’euro” dice Berlusconi illustrando la pesante manovra economica che il Governo sta per sottoporre al voto del Parlamento.

“Meno male che fino a poco tempo fa Berlusconi diceva che la crisi non esisteva, e sembra quasi che le difficoltà derivino tutte dallo stipendio dei parlamentari, buttandola sul populismo, mentre non si tiene conto di tanti fattori che hanno contribuito ad accumulare gli sprechi certamente non a vantaggio dei più deboli. Berlusconi dice di non aver aumentato le tasse con la manovra da 24 miliardi di euro ma costringe a metterle agli enti locali tagliando loro i trasferimenti: forse pensa ad un federalismo senza i servizi!” Lo dichiara l’on. Franco Narducci (PD) commentando le affermazioni del Presidente del Consiglio alla presentazione della manovra economica.

“Sembra che ancora una volta, nel pieno della crisi – incalza Narducci – il Governo voglia lasciare da sole le famiglie dei lavoratori e dei pensionati già abbastanza in difficoltà come si può evincere dai dati del rapporto annuale Istat dal quale emerge preoccupante il fatto che oltre il 15% delle famiglie italiane vive in condizioni di disagio economico”.

“Sicuramente se bisogna fare dei sacrifici – afferma l’on. Narducci – occorre che li si faccia in maniera proporzionale e senza lasciar trasparire che si può derogare alla legalità con il condono per gli immobili fantasma; così si rischierebbe di fare un regalo prezioso alla criminalità organizzata, soprattutto in Campania: sono convinto che il Parlamento non potrà essere complice di un simile gesto!”

“Condivido quello che dice il Commissario europeo Rehn – conclude Narducci – quando afferma che “la spesa per le infrastrutture chiave, educazione, ricerca e innovazione sostengono la crescita, mentre le tasse sui redditi di impresa e sul lavoro la danneggiano” forse dovrebbe accorgersene anche il Governo che rischia di far morire anche il motore della ricerca in Italia”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento