Data odierna 21-10-2017

I festival e le convention sull’animazione o sul fumetto, così come quelle di fantascienza, sono davvero un mondo surreale, stravagante, per certi versi estremo, sicuramente strano e straordinario....

I festival e le convention sull’animazione o sul fumetto, così come quelle di fantascienza, sono davvero un mondo surreale, stravagante, per certi versi estremo, sicuramente strano e straordinario. Diversamente da quanto avviene nelle classiche kermesse cinematografiche, televisive o librarie dove il pubblico è per lo più rilegato al suo ruolo, in queste manifestazione esso è davvero protagonista e gli spettatori possono tutti godere dei loro “quindici minuti di celebrità” per dirla alla Andy Warhol. Questo è ancora più vero oggi che va sempre più di moda il fenomeno del Cosplay, neologismo nato dalla contrazione e unione di costume e play, ovvero il travestirsi come personaggi di film culto, fumetti o serie di animazione.

Nel mondo vi sono alcuni appuntamenti canonici, imperdibili per gli appassionati, capaci in molti casi di mobilitare persone da tutti gli angoli del globo. È il caso del Comiket di Tokyo o del Festival International de la Bande Dessinée di Angoulême in Francia, sicuramente i più prestigiosi eventi del settore con numeri di visitatori per pochi giorni di festival davvero esorbitanti: più di 500.000 per Tokyo e circa 250.000 per Angoulême.

In Italia, pur essendo il cinema di animazione e il mondo del fumetto molte volte relegati a cultura di serie B, la tradizione di questi festival è molto forte con manifestazioni di ampio respiro: Napoli Comicon, con i suoi più di 50.000 partecipanti in 3-4 giorni, il Romics nella Capitale e così via.

Tra questi, svetta, senza dubbio, il Lucca Comics and Games, dall’1 al 4 novembre 2012.

Nato nel 1966, Lucca Comics and Games ha una lunga tradizione che l’ha posta ai vertici delle fiere e dei festival dedicati all’animazione, al fumetto, ai giochi sia da tavolo che di ruolo e ai videogames. In una classifica internazionale il salone toscano si collocherebbe ad un ottimo terzo posto dopo le rassegne giapponese e francese, sia per prestigio che per numeri (ci aggiriamo sui 150.000 circa).

La kermesse di Lucca si presenta come di altissimo livello sotto tutti i punti di vista: perfetta fiera-mercato; salone culturale con incontri e dibattiti con autori, doppiatori, registi, fumettisti; presentazione in anteprima di serie animate e film da tutto il mondo, così come retrospettive; mostre; spettacoli dal vivo.

A questo già ricco programma che ogni anno si rinnova e si migliora si aggiunge l’arma in più della città e del suo centro storico che viene nella sua totalità coinvolto nella manifestazione. Ogni angolo di strada, ogni piazza diviene un luogo del Lucca Comics and Games. Il festival vive per tutta la città e davvero essa diviene letteralmente un mondo surreale e stralunato, abitato da personaggi bizzarri, da visitatori travestiti che diventano eroi e protagonisti, divi per una giornata, facendosi fotografare e “improvvisando” scene del loro repertorio, tratti da film celebri, cartoni o fumetti.

Un appuntamento imperdibile in una location davvero d’eccezione.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento