Data odierna 21-11-2017

“La crescita dell’export è un segnale positivo ma non sufficiente a dare stabilitá a un settore – quello del commercio con l’estero – che soffre anche per...

“La crescita dell’export è un segnale positivo ma non sufficiente a dare stabilitá a un settore – quello del commercio con l’estero – che soffre anche per le incertezze e i ritardi del Governo”. Ne è convinto l’on. Marco Fedi, deputato del Pd eletto in Australia, secondo cui “l’aumento contemporaneo del deficit commerciale, il ritardo con il quale si affrontano le riforme di questo importante e delicato settore e le incertezze manifestate dal Governo nella manovra economica rappresentano ulteriori elementi di preoccupazione”.
“Invece delle riforme degli strumenti di internazionalizzazione”, continua il parlamentare, “che dovrebbero essere affrontate dal Governo nell’ambito delle deleghe contenute nella Legge 23 luglio 2009 n. 99, il Governo aveva semplicemente proposto l’eliminazione dell’Istituto per il Commercio Estero per poi fare marcia indietro. Oggi”, secondo il deputato del Pd, “dovremmo preoccuparci di riprendere quel cammino per dare autentici strumenti di “internazionalizzazione” al “made in Italy” in un momento favorevole per le esportazioni e l’Istituto per il Commercio Estero deve essere al centro di questo processo”.
“Analogamente”, conclude Fedi, “occorre verificare le condizioni per rafforzare gli accordi di programma e di partenariato con le Regioni per dare opportunitá al federalismo anche nel settore della promozione commerciale”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento