Data odierna 22-10-2017

Al congresso di Chianciano “ Verso il partito della Nazione: Ricostruiamo l’ Italia” che si è concluso domenica scorsa con l’intervento del Presidente dell’Udc Casini hanno partecipato...

Al congresso di Chianciano “ Verso il partito della Nazione: Ricostruiamo l’ Italia” che si è concluso domenica scorsa con l’intervento del Presidente dell’Udc Casini hanno partecipato numerosi parlamentari dell’Udc, Cesa, De Mita, D’Alia, De Poli, Pezzotta, Adornato, D’Onofrio,  e di altri schieramenti politici, come La Malfa (PR), Cacciari (ex sindaco Pd di Venezia), Franceschini (Pd), Cicchitto (Pdl ), Bocchino(Fli). Tra i presenti anche il deputato Ricardo Merlo e la senatrice Mirella Giai, in rappresentanza del  Movimento Associativo Italiani all’Estero (MAIE).

Prima del discorso di chiusura di Casini Merlo è intervenuto dal palco e, dopo aver ringraziato il leader dell’Udc per l’invito al convegno in cui si sta concretizzando la possibilità di creare un terzo polo politico,  ha spiegato le origini, il presente ed i obiettivi  del MAIE.  “Bisogna cambiare il paradigma  e ricostruire il sistema Italia all’ estero. – ha affermato Merlo – Un sistema distrutto oggi da un governo miope che non si rende conto che le cose sono cambiate tanto. Oggi la maggioranza degli italiani all’ estero sono oriundi  e occupano posti di rilievo nelle loro società: politici, imprenditori, uomini di cultura ecc. che costituiscono per l’ Italia, soprattutto in questo momento di crisi, una grande opportunità. Invece di tagliare fondi e distruggerne le potenzialità – ha proseguito Merlo – il governo dovrebbe prestare più attenzione a questa risorsa anche perché una politica intelligente ed ordinata potrebbe far crescere il Made in Italy,  il turismo ma  soprattutto il ruolo culturale, sociale e politico dell’ Italia all’ estero.”

“ Noi italiani nel mondo – ha aggiunto Merlo – amiamo l’Italia e ci fa molto male vedere che una parte della classe politica italiana, invece di lavorare per risolvere i problemi del Paese e superare la crisi economica, offre il triste spettacolo di una continua rissa, che ci costringe tutti i giorni ad occuparci di questioni personali di singoli politici, mentre la nazione affonda. Gli italiani residenti all’estero, che hanno conquistato con fatica il diritto di voto per  partecipare attivamente alla vita politica nazionale, si sentono  presi in giro. Un giorno si sentono dire che si va alle elezioni anticipate, il giorno dopo  tutto è cambiato, per, poi, il giorno seguente continuare a litigare. Noi vogliamo dire basta agli scontri; ci vuole  una politica di dialogo, abbiamo bisogno di politiche  di stato con il consenso della maggioranza delle forze politiche…Noi – ha concluso Merlo dopo aver auspicato una  nuova alleanza di partiti che sia più aperta al dialogo  - abbiamo vinto due volte le elezioni, senza l’appoggio di altri partiti italiani, e anzi, ‘contro’ tutti gli altri partiti. Il MAIE, in Sudamerica,  ha battuto Berlusconi: perchéè Berlusconi si può vincere!”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento