Data odierna 12-12-2017

È un pensionato Inps residente ad Antananarivo, in Magadascar. Ed ha regolarmente risposto al domanda di certificazione dell’esistenza in vita avviata dall’Istituto dopo l’accordo con...

Leonardo Sunseri contro INPS e Citibank per i ritardi delle pensioni

È un pensionato Inps residente ad Antananarivo, in Magadascar. Ed ha regolarmente risposto al domanda di certificazione dell’esistenza in vita avviata dall’Istituto dopo l’accordo con Citibank, nuovo fornitore dei servizi per i pensionati residenti all’estero. Eppure Leonardo Sunseri attende ancora il versamento in banca della meritata e maturata pensione per i mesi di febbraio e marzo 2012.

È lo stesso Leonardo a raccontare di aver atteso invano che gli venissero accreditati i due mesi di pensione ed aver ad un certo punto “sollecitato l’Inps per il mancato pagamento”. Inps che, racconta il connazionale, gli ha risposto con una lettera nella quale spiegava di aver affidato “a partire dal 1° febbraio 2012″ al gruppo Citibank “il servizio di pagamento delle prestazioni pensionistiche per i beneficiari che, come Lei, risiedono all’estero. Per assicurare il pagamento delle pensioni nell’anno 2012″, prosegue la lettera, “Citi ha per contratto l’obbligo di verificare l’esistenza in vita dei pensionati al fine di garantire il corretto svolgimento del servizio. Inps è consapevole che nei mesi scorsi “l’esistenza in vita” è già stata accertata dall’istituto bancario che ha svolto finora il servizio. Ci dispiace crearLe un nuovo disturbo, tuttavia, per avviare il servizio con il nuovo gestore, occorre una nuova verifica dell’esistenza in vita mediante la spedizione del Modulo di Certificazione di Esistenza in Vita che dovrebbe esserle arrivato per posta ordinaria. Questo modulo, compilato, firmato e corredato dei documenti richiesti, dovrà essere inviato entro, e non oltre, il 2 Aprile 2012.

Peccato che il signor Sunseri abbia già ricevuto, compilato e rispedito a Citibank la certificazione di esistenza in vita in oggetto, che “arriverà come richiesto entro e non oltre il 2 aprile 2012″, specifica. Dunque per Leonardo Sunseri “la sospensione dell’invio delle rate della pensione di febbraio e marzo” da parte di Citibank è “del tutto arbitraria e ingiusta”, anche perché, ricorda il connazionale da Madagascar la stessa Citibank aveva in precedenza comunicato che, in caso di mancata o ritardata certificazione il pagamento della pensione avrebbe potuto essere sospeso a partire dal 1° maggio 2012 e non, sottolinea il pensionato italiano, già dal mese di febbraio, come di fatto è avvenuto.

“Pertanto”, conclude Sunseri, “sia la risposta data dall’Inps sia l’atteggiamento di sospensione dell’invio della pensione da parte della Citibank è irregolare e in netto contrasto con quanto affermato dalla stessa Citibank”. Senza contare che “per un pensionato che vive all’estero non ricevere il rateo mensile della pensione comporta gravi motivi di sopravvivenza”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Una risposta to "Leonardo Sunseri contro INPS e Citibank per i ritardi delle pensioni"

  1. roberto bigoni says:

    Abito in Canada, non ho ricevuto la pensione di febbraio e marzo 2012.
    La Citibank ha detto che non a ricevuto soldi dall’INPS per la pensione.
    Di piu, sul sito INPS e impossibile ottenere uno PIN online per i residenti a l’estero (la funzionalita e stata bloccata recentemente) per ottenere ulteriori spiegazioni.

Lascia un commento

Invia il commento